Home CinemaNews e anteprime«Matrix», il reboot è in arrivo

«Matrix», il reboot è in arrivo

Il film diretto dalle sorelle Wachowski con protagonista Keanu Reeves potrebbe presto tornare al cinema, ma chi parteciperà?

Foto: The matrix reloaded  - Credit: © Warner Bros.

15 Marzo 2017 | 16:44 di Marianna Ninni

«Matrix», uno tra i migliori action movie di tutti i tempi, sta per tornare sul grande schermo. A confermare la notizia di un reboot dello sci-fi del 1999 è la Warner Bros. che si sta affidando alla penna di Zak Penn, sceneggiatore a cui è stato chiesto di elaborare un trattamento sulla nuova pellicola.

Film di grande successo diretto da Lana e Lily Wachowski, «Matrix» è stato un film rivoluzionario, talmente amato dal pubblico e dalla critica mondiale da dare vita a dei sequel. Se il progetto dovesse davvero prendere forma, «Matrix» si andrebbe solo ad aggiungere a quella lunga lista di film che Hollywood ha deciso di rifare, affidandosi alla prospettiva moderna di nuovi scrittori di talento.

Poco o niente si sa su chi potrebbe dirigere il film, dato che non è per nulla scontato un ritorno delle sorelle Wachowski né si sa se siano favorevoli a un rifacimento. Da escludere anche un ritorno di Keanu Reeves, l’attore aveva lasciato intuire che avrebbe preso in considerazione un ritorno solo insieme a loro.

Assoluto mistero anche sul possibile coinvolgimento del produttore Joel Silver, uno tra i pochi a essere realmente interessato al reboot di «Matrix» e il solo che potrebbe convincere le Wachowski a dare la loro benedizione a questo nuovo progetto, magari contribuendo in maniera più diretta anche alla creazione del reboot stesso.

Per il momento, i punti di domanda superano di gran lunga le certezze e non si sa cosa la Warner Bros. si aspetti dal film, di cui potrebbe essere protagonista l’attore Michael B. Jordan. I film realizzati e diretti dalle Wachowski hanno incassato miliardi in tutto il mondo, sono il frutto di un lavoro unico in cui la visione filosofica delle autrici si sposa perfettamente con l’impianto narrativo e visivo di una storia che ha fatto scuola.

Mettere di nuovo mano a un film di questo genere è una vera sfida che comporta una grande responsabilità, soprattutto perché il confronto è sempre vivo, la delusione è dietro l’angolo e il risultato di un secondo successo non è poi così scontato.