Venezia 78: omaggio a Manfredi

La mostra scalda i motori con una “Preapertura”

Nino Manfredi e Delia Boccardo
31 Agosto 2021 alle 14:00

Il festival di Venezia comincia domani... anzi oggi. Infatti, in attesa dell'apertura ufficiale (che si terrà alle 19 di martedì al Palazzo del cinema), oggi è in programma un evento di “preapertura”: la proiezione di “Per grazia ricevuta” di e con Nino Manfredi in una versione restaurata a cura della Cineteca Nazionale e dell'Istituto Luce-Cinecitta. Così la Mostra rende omaggio a Manfredi nel centenario della sua nascita. 

«“Per grazia ricevuta” è una storia semplice, accaduta a tanti, con la quale desidero affrontare un tema difficile ma che sento molto: la crisi religiosa». Così l'artista ciociaro presentava il suo primo lungometraggio da regista, che usciva nelle sale esattamente 50 anni fa. «Le conquiste tecniche e la civilizzazione in progresso continuo hanno fatto dimenticare ciò̀ che ognuno di noi ha dentro di sé» continuava Manfredi. «Intendiamoci, non voglio fare un film intellettualistico perché so che il mio pubblico ama ridere; affrontare un tema importante in maniera umoristica mi sembra il migliore modo di dire qualcosa e spero di riuscirci». Evidentemente c'è riuscito, se dopo mezzo secolo il  film (che curiosamente fece il suo esordio nel grande festival “concorrente” di Venezia, cioè a  Cannes, dove vinse il premio per la migliore opera prima) ancora appassiona.

Prima dell'omaggio a Manfredi sarà proiettato anche un documentario sulla scorsa edizione della Mostra: si intitola “La Biennale di Venezia: il cinema al tempo del covid” ed è firmato da Andrea Segre. La pellicola ricostruisce il clima del primo grande festival svoltosi dopo l'arrivo del virus, tra paura e speranza; speriamo quest'anno di trovare meno della prima e più della seconda.

Seguici