Home Cinema«Pretty Woman»: una favola che ci fa sognare da 27 anni

«Pretty Woman»: una favola che ci fa sognare da 27 anni

Il film con Julia Roberts e Richard Gere continua a farci sognare da oltre un quarto di secolo. Vi spieghiamo perché

Foto: Pretty Woman, una scena del film

18 Gennaio 2017 | 11:20 di Marianna Ninni

Il 23 marzo del 1990 veniva proiettata per la prima volta una commedia romantica destinata a fare storia. A distanza di 27 anni, «Pretty Woman», film diretto da Garry Marshall, con protagonisti Julia Roberts e Richard Gere, continua a tenere incollati allo schermo milioni di spettatori. Qual è il segreto di tutto questo successo?

Forse a molti, la storia ormai nota della prostituta che riesce ad accalappiare un ricco milionario può suonare scontata, se non addirittura irreale, ma dietro questa commedia romantica del 1990 c’è ben di più che una semplicistica trama da sogno. «Pretty Woman» racconta una storia universale, misteriosamente intramontabile, in grado di toccare le corde più intime dell’animo umano, di commuovere e far sorridere allo stesso tempo.

Favola moderna, «Pretty Woman»è il racconto di una ragazza che ce la fa nonostante tutto e tutti. E questo è solo uno dei tanti motivi che rendono il film con Julia Roberts una storia unica in grado di resistere al passaggio del tempo senza mostrare i segni dell’invecchiamento. Ecco quali sono, a nostro avviso, le 10 ragioni che ci fanno amare, ancora oggi, il film.