Home LifestyleAddio a Giorgio Albertazzi, un grande del teatro italiano

Addio a Giorgio Albertazzi, un grande del teatro italiano

Aveva 92 anni, una vita tra palcoscenico e cinema. Il debutto nel 1949 con Luchino Visconti

Foto: Giorgio Albertazzi  - Credit: © SplashNews

28 Maggio 2016 | 11:03 di Caterina Maconi

Addio a Giorgio Albertazzi, un grande del teatro italiano. Si è spento all'età di 92 anni a Roma dopo una vita trascorsa tra palcoscenico, cinema e televisione.

Nato a Fiesole il 20 agosto 1923, ha debuttato a teatro nel 1949 sotto la regia di Luchino Visconti con "Troilo e Cressida" di Shakespeare, mentre la prima volta nei cinema è stata con il film "Lorenzaccio" di Raffaello Pacini nel 1951.

Il successo e la definitiva consacrazione sono arrivati poi per mano della radio e della televisione: nel 1954 è stato protagonista dello sceneggiato Rai "Delitto e castigo" per la regia di Franco Enriquez, e negli anni è stato presente in molti altri sceneggiati di successo prodotti sempre dalla Rai, dal "Re Lear", a "L'idiota", a "Lo zio Vania".

A inizio anni Settanta passò alla regia di tv e cinema: enorme successo gli arrivò con lo sceneggiato televisivo "Jekyll".
Indimenticabile la sua interpretazione a teatro di "Memorie di Adriano" per la regia di Maurizio Scaparro, mentre una delle sue ultime apparizioni in tv è stata nel 2014, quando partecipò a Ballando con le stelle di Milly Carlucci, conquistandosi lo scettro di concorrente più anziano di tutte le edizioni internazionali del programma.