Sanremo 2021

Cambiamenti climatici, Mario Tozzi: «Vi spiego questa pazza estate»

Il geologo, conduttore e divulgatore scientifico di "Sapiens" su Raitre ci rivela perché passiamo dal solleone alle bombe d’acqua

Mario Tozzi
6 Settembre 2019 alle 13:55

L’anomalia di questa intervista è che mentre parliamo con Mario Tozzi, geologo e conduttore tv di programmi scientifici, lui si trova a Roma dove brilla il sole. Mentre qui a Milano piove e sembra novembre.

Ma non il novembre di oggi, dove fa talmente caldo che non c’è bisogno di accendere il riscaldamento. Quello di ieri. Quando c’erano ancora le quattro stagioni. «Stiamo arrivando alla doppia stagione monsonica» ci spiega Tozzi.

«L’estate può cominciare ad aprile e interrompersi a maggio, come quest’anno che è stato brutto, per poi continuare fino a ottobre. Non ha più senso parlare di stagioni. Ormai la primavera e l’autunno non ci sono più». Come se non bastasse, questo è stato il luglio più caldo di sempre.

«Lo dicono i dati sulle temperature che rileviamo da più di un secolo. Anche il caldo precoce ha fatto alzare le medie. Luglio è da sempre il mese più caldo ma la crescita è più pronunciata che in passato». Vediamo allora le altre anomalie dovute ai cambiamenti climatici.

Seguici