Home LifestyleChe fuori tempo che fa, oggi un’edizione speciale

Che fuori tempo che fa, oggi un’edizione speciale

Si parla di "Le storie degli altri", collage di notizie proposte dagli ospiti in studio e dagli inviati. Ci saranno anche Teo Teocoli e Cecilia Strada

Foto: Teo Teocoli  - Credit: © Olycom

06 Giugno 2015 | 09:14 di Caterina Maconi

Edizione speciale stasera a Che fuori tempo che fa. Su Rai Tre dalle 20.10 Fabio Fazio e Massimo Gramellini conducono una puntata su Le storie degli altri, un collage di notizie e avvenimenti proposti dagli ospiti in studio e dai numerosi inviati in collegamento.

Nell'Anteprima Vieri Razzini, storico e critico cinematografico, racconta il connubio scale e cinema attraverso una selezione dal 1922 a oggi mentre Joe Barbieri spiega la mostra Modigliani - Les Femmes, in collegamento dall'Agorà Morelli di Napoli.

In studio ci sono Teo Teocoli, che da mesi è inviato a Expo Milano 2015, che porta testimonianze inedite provenienti dall'esposizione universale insieme all'entomologo Gianumberto Accinelli. Poi Valentina Calderone, direttrice di A buon diritto - Associazione per le libertà, parla del suo libro Abolire il carcere - Una ragionevole proposta per la sicurezza dei cittadini, pubblicato a fine aprile con postfazione di Gustavo Zagrebelsky. In studio anche Cecilia Strada, presidente di Emergency.

Molte storie vengono raccontate anche dagli inviati in collegamento e in diretta. Oltre al consueto scambio di tweet con l'astronauta italiana Samantha Cristoforetti - che si trova ancora sulla Stazione Spaziale Internazionale -, da Londra, precisamente da Abbey Road, Marco Varvello ricorderà due anniversari particolari che hanno a che fare (ovviamente) coi Beatles: la registrazione del singolo Love me do (6 giugno del 1962) e i 50 anni del primo tour italiano della band (1965).

Antonio Di Bella da Parigi porta i telespettatori alla visita della capitale francese di notte a bordo di un bateau-mouche, mentre da New York Fabio Volo e Gianni Riotta propongono un doppio collegamento da due diversi punti di Long Island.