Home LifestyleDave Grohl e le riflessioni sulla gamba rotta

Dave Grohl e le riflessioni sulla gamba rotta

E' stata una "benedizione". Così si è espresso il frontman dei Foo Fighters, in merito alla caduta sul palco in Svezia, che non gli ha impedito di onorare i concerti in programma

Foto: Dave Grohl sul suo trono  - Credit: © Olycom

11 Luglio 2015 | 22:52 di Angelo De Marinis

Da settimane non si parla che di lui, di Dave Grohl, dopo che si è rotto la gamba destra sul palco del'Ullevi Stadium a Goteborg, in Svezia, lo scorso il 12 giugno.

Prima le voci della caduta, poi i concerti sospesi tra cui la partecipazione a Glastonbury. Poi è arrivato il 4 luglio, quando si è ripresentato sul palco per onorare i suoi impegni insieme ai Foo Fighters, esibendosi al Robert F. Kennedy Memorial Stadium di Washington e presentandosi sullo stage su un gigantesco trono di chitarre semovente costruito per lui dalla sua crew. Piuttosto seduto, ma il concerto l'ha sostenuto alla grande.

E ancora tutti a parlarne. Sarà per questo che in una recente intervista ha definito una "benedizione" la caduta in Svezia: l'incidente gli ha permesso di apportare modifiche alla struttura dei concerti, modifiche che lui ritiene abbiano migliorato la resa complessiva dell'esibizione. Non tutti i mali vengono per nuocere?