Gigio Donnarumma, il supereroe degli Europei

Le curiosità sul portiere che ci ha fatto vincere la Coppa

Gianluigi Donnarumma
22 Luglio 2021 alle 08:34

La vittoria agli Europei è passata dalle sue “manone”, come le ha chiamate il Presidente Sergio Mattarella, prima di complimentarsi con lui per la Coppa e il titolo di Miglior giocatore del torneo. E in effetti quelle di Gianluigi Donnarumma sono mani enormi. La taglia dei suoi guanti? È la 10.5, che corrisponde a una lunghezza di 27,5 centimetri.

Mani, mani grandi come cantavano Ornella Vanoni e Gino Paoli in “Senza fine”. È lui, Gigio da Castellammare di Stabia (NA), l’uomo copertina dell’Italia che ha riportato nel nostro Paese il trofeo continentale dopo 53 anni. Infatti ci ha prima fatto vincere la semifinale contro la Spagna respingendo il rigore di Morata. E poi ha parato i due penalty decisivi di Sancho e Saka nella finale contro l’Inghilterra.

Eppure sulla prodezza compiuta sull’ultimo tiro, non aveva gioito: «Dopo aver parato il rigore non ho esultato perché non avevo capito che avessimo vinto» ha confessato. «Cercavo di comprendere se era tutto ok. Adesso con la Var vedono i piedi perché non puoi stare davanti alla linea, quindi guardavo l’arbitro. Poi mi sono girato e ho visto i miei compagni che venivano verso di me e ho capito tutto». Scopriamo allora tutte le curiosità sul nostro fenomenale portierone.

Meglio di Zoff

Gigio, a 22 anni e alla sua 33ª presenza con la maglia della Nazionale, vince il suo primo Europeo. Dino Zoff, per citare un suo predecessore illustre, lo conquistò nel 1968 a 26 anni e alla quarta presenza.

L’esordio azzurro

Nell’amichevole con la Francia del 1° settembre 2016 a Bari e persa 3 a 1, Gigio sostituisce Gigi Buffon nel 2° tempo e a 17 anni e 189 giorni diventa il portiere più giovane ad aver esordito con la Nazionale. Lo stesso Buffon aveva debuttato nel 1997 a 19, Zoff nel 1968 a 26 anni.

Futuro francese

Nella prossima stagione Gigio giocherà nel Paris Saint-Germain e non avrà la maglia numero 99 vestita al Milan né la 21 indossata in Nazionale. L’articolo 576 del regolamento della Ligue 1 vieta l’uso di “numerazioni fantasiose” e specifica che ai portieri sono riservati i numeri 1, 16 e 30. Gigio avrà, in deroga, la 50 perché il Psg ha più di 30 giocatori in rosa, di cui nove portieri.

Imbattibilità

Gigio ha contribuito con i “colleghi” Sirigu, Meret e Cragno al nuovo record di imbattibilità dell’Italia: la porta azzurra con loro è rimasta inviolata per 1.168 minuti (striscia interrotta dal gol dell’Austria negli ottavi di finale), battendo il precedente primato di 1.143 con Zoff che durava dal 1974. L’imbattibilità personale di Gigio in Nazionale è di 987 minuti.

La fidanzata

Alessia Elefante sta con lui dal 2016, ha quasi due anni in più e anche lei è di Castellammare di Stabia. I fumetti sono una passione comune e così, per i 20 anni, gli ha donato un dipinto dove loro due compaiono come una coppia di supereroi: Superman e Catwoman.

Baby prodigio

Il sogno di Gigio, che è sempre stato un tifoso rossonero, si concretizza nel luglio del 2013 quando il Milan acquista per 250 mila euro il suo cartellino dal Club Napoli. «Al Milan dissi: “Vi do il Maradona dei portieri”» ha raccontato Ciro Amore, il primo presidente di Donnarumma.

Il Kaimano

È il nome del ristorante che Gigio frequentava con gli ex compagni del Milan e che si trova a Milano in via Fiori Chiari. Ci sarà il rischio di rincontrarlo anche in futuro, magari per qualche vacanza milanese, a cena o mentre chiacchiera con Gerry Cioffi, l’amico titolare.

Le auto

La passione c’è sempre stata. Negli ultimi tempi, lo si è visto spesso a bordo di una Lamborghini Urus scura, un potente Suv.

La musica

Gigio è un appassionato della musica neomelodica napoletana e tra i suoi artisti preferiti c’è Tony Colombo.

Seguici