Home LifestyleLa terza edizione del Manzoni Derby Cabaret vinta da Lunanzio

La terza edizione del Manzoni Derby Cabaret vinta da Lunanzio

Lunanzio, al secolo Loris Fabiani, mette d'accordo giuria e pubblico e vince la terza edizione del Manzoni Derby Cabaret

Foto: Da sinistra, Alessandro Arnone, direttore del Teatro Manzoni di Milano, Lunanzio, vincitore della terza edizione del "Manzoni Derby Cabaret", Luisa Corna e Maurizio Colombi, conduttori della serata.

04 Aprile 2016 | 18:56 di Danilo Gallo

Al termine di un acceso confronto tra i quattro finalisti, e di un voto al cardiopalma da parte del pubblico, è stato Lunanzio, al secolo Loris Fabiani, a vincere la finale della terza edizione del Manzoni Derby Cabaret.
Ma andiamo con calma. Da tre stagioni il Teatro Manzoni di Milano ospita il "Manzoni Derby Cabaret", una gara tra giovani comici a cui si unisce buon cibo e ottimo vino (in pratica ogni spettacolo è preceduto da un robusto aperitivo con una degustazione di vini).

Tra serate eliminatorie (si inzia tra ottobre e novembre) e semifinali, passando attraverso il voto di una giuria di qualità (di cui fa parte, oltre a Sorrisi, il critico musicale Mario Luzzato Fegiz, R101 e il comico Bruce Ketta) e il voto determinante del pubblico, si arriva alla finale. Che per questa terza edizione si è svolta domenica 3 aprile. A contendersi la vittoria erano in quattro: Pergiorgio Bianchi, Ferdinando Sanfilippo, Davide Spadola e Lunanzio. Se la Giuria non ha avuto dubbi ad attribuire la vittoria a Lunanzio, il pubblico si è diviso fino all'ultimo tra Davide Spadola e Lunanzio, che poi è risultato il vincitore.

Va detto che Loris Fabiani, in arte Lunanzio, è tutt'altro che un debuttante: ha frequentato l'Accademia nazionale d’arte drammatica “Silvio D’Amico”, nel 2011 ha vinto il Premio Ubu come Miglior attore under 30, ha scritto, diretto e interpretato numerosi spettacoli teatrali, oltre a recitare con la Compagnia dell'Elfo di Milano, diretta da Elio De Capitani. Al cinema è apparso in "Il grande sogno" e "Vallanzasca", entrambi diretti da Michele Placido.