Parte #NonCiFermaNessuno. Si inizia con la Hunziker

Da sette anni Luca Abete porta in giro per l’Italia il suo tour universitario motivazionale, durante il quale racconta ai ragazzi quanto sia importante coltivare un sogno e fare il possibile per realizzarlo

Luca Abete
16 Marzo 2021 alle 08:30

Da sette anni porta in giro per l’Italia il suo tour universitario motivazionale #NonCiFermaNessuno, durante il quale racconta ai ragazzi quanto sia importante coltivare un sogno e fare il possibile per realizzarlo. Luca Abete, lo storico inviato di “Striscia la notizia”, ha rivelato tutte le novità della campagna sociale dedicata ai giovani studenti universitari nel corso della conferenza stampa in streaming tenutasi il 15 marzo in una location speciale, il magazzino del Banco Alimentare.

Ed è proprio con questa Fondazione che, cinque anni fa, è nata una collaborazione. #NonCiFermaNessuno va avanti nel segno della solidarietà e della lotta allo spreco alimentare, della tutela ambientale e della tecnologia. Lo scopo è sempre quello: inoculare entusiasmo nei giovani, capire le loro esigenze e valorizzare il contesto universitario creando un ponte con il mondo del lavoro e dell’innovazione.

In questo nuovo percorso questo, oltre al banco Alimentare, saranno presenti Corepla, Xiaomi e l’associazione Uniamo. La nuova edizione, quest’anno tutta in versione digital, partirà ufficialmente il 16 marzo dal Politecnico di Milano e ha come claim ufficiale: “Contagiamoci di coraggio”. «Il coraggio è l’unico virus capace di abbattere le difficoltà che ci riserva la vita» sottolinea Luca Abete che, con grinta e tenacia, promuove la sua idea.

Ma con quali tecniche e messaggi persuasivi l’inviato de tiggì satirico di Antonio Ricci riesce a fare breccia nel cuore di migliaia di studenti? Ecco la sua risposta: «Non ci sono strategie. Tutto nasce spontaneamente. Io parto sempre da quella che è stata la mia esperienza professionale e di vita. Sono nato e cresciuto ad Avellino dove da ragazzo ho fatto l’animatore per bambini. Mentre vedevo gli altri miei coetanei annoiati e poco motivati a svolgere quel lavoro, io ci mettevo invece tutta l’anima e in poco tempo sono diventato il gioco preferito dei più piccoli. Bisogna metterci passione e cuore in tutto quello che si fa. Poi, a piccoli passi, ho cercato di concretizzare i miei sogni realizzando il più grande: quello di diventare inviato di “Striscia”.

Sono dieci le tappe del tour motivazionale nelle università. Dopo Milano, Abete incontrerà - in modalità virtuale - gli studenti degli atenei di Chieti-Pescara (23 marzo), Cassino (30 marzo), Parma (8 aprile), Catania (15 aprile), Cagliari (22 aprile), Venezia (27 aprile), Cosenza (10 maggio), Napoli (20 maggio). L’evento conclusivo è previsto a Roma il 25 maggio. «Dalle aule universitarie ci spostiamo in streaming superando il limite degli spazi fisici degli atenei e possiamo avere anche tanti ospiti. In questo modo il tour diventa un autentico talk con al centro i ragazzi che si possono raccontare e e confrontare».

Il tour avrà una madrina speciale per il battesimo della settima edizione: si tratta di Michelle Hunziker che, con Luca Abete, divide da anni l’esperienza di “Striscia”. «E’ una carissima amica, una bravissima collega che quando ha saputo dell’iniziativa, ha voluto esserci. Lei è una una donna straordinaria che incarna in pieno uno dei principi chiave del nostro percorso e della nostra filosofia: “Bravi non si nasce, si diventa”. Michelle ha imparato a cantare, recitare, ed è diventata così brava che piace agli uomini e alle donne, ai giovani e agli anziani, riuscendo nell’impresa di saper far ridere e saper far riflettere».

Seguici