Home LifestyleThe Voice Of Italy: chi vincerà? La parola ai coach

The Voice Of Italy: chi vincerà? La parola ai coach

Stasera si parte con il primo dei cinque live, ecco le previsioni di J-Ax, Noemi, Piero Pelù e del Team Fach

Foto: I coach di «The voice of Italy»

29 Aprile 2015 | 13:40 di Gabriele Farroni

Stasera 29 aprile parte la fase dal vivo di «The voice of Italy» con il primo dei cinque appuntamenti live. Chi vincerà questa edizione del talent di Raidue? Ecco cosa ne pensano i quattro coach che li accompagnano in questa avventura...

J-Ax

«Il metro di giudizio che utilizzeremo sarà quello di scegliere il ragazzo o la ragazza con più talento, indipendentemente dalla squadra di appartenenza.
Penso, comunque, che per la scelta di un vincitore sia determinante il pubblico, perché un cantante, oltre che a essere abile nel cantare, deve riuscire anche a farsi voler bene».

Noemi

«L'obiettivo comune di tutti noi è sicuramente quello di portare qualcuno di valido sulla scena della musica italiana. I nostri ragazzi hanno personalità diverse tra loro e sono stati in grado di rappresentare, attraverso le loro voci, tutti i generi musicali. Chiunque sarà il vincitore sarà il cantante più completo».

Team Fach

«Questi ragazzi vanno visti in un contesto non solo italiano, ma globale. Hanno seguito un percorso che vi riserverà grandi, e gustose, sorprese nel corso dei Live. Non sarà per nulla facile decretare un vincitore, speriamo solo che tutti quelli che sono arrivati fino a qui possano coronare, in qualche modo, il loro sogno».

Piero Pelù

«Qui a The Voice non c'è bisogno che venga scelto un vincitore, quelli che si esibiranno nei Live sono tutti ragazzi capacissimi, purtroppo tra loro dovremo sceglierne solo uno. Ci tengo, però, a precisare che non basta saper cantare per essere un bravo cantante, ma bisogna anche saper scrivere i testi e le musiche delle canzoni, senza coloro che scrivono e compongono musica i cantanti servono a ben poco. Per la scelta del vincitore comunque ci sentiamo sollevati, perché ci saranno milioni di telespettatori a deciderlo insieme a noi».