Home Live newsAmy Winehouse: il padre contro il film “Amy”

Amy Winehouse: il padre contro il film “Amy”

Mitch Winehouse e l’ex fidanzato della cantante si scagliano contro il documentario e promettono un nuovo film per “raccontare tutta la verità”

 - Credit: © SplashNews

05 Luglio 2015 | 12:09 di Lorenzo Di Palma

?Incredibilmente falso?. Il padre di Amy Winehouse, Mitch, si è scagliato così contro il film-documentario Amy di Asif Kapadia, presentato all'ultima edizione del Festival di Cannes e attualmente nelle sale inglesi. 

Anzi per ristabilire la verità sulla vita (e la morte) di sua figlia promette di produrre un altro film perché secondo il padre della cantante, vedendo Amy, sembra che famiglia e amici non avrebbero fatto abbastanza per aiutarla a superare i problemi di depressione, bulimia, dipendenza dalle droghe e dall'alcol che la hanno portato alla morte prematura a soli 27 anni: ?Non so cos'altro avrei potuto fare - ha detto in un'intervista a Sky News - non avrei potuto voler bene a mia figlia e prendermi cura di lei più di così?.

Per produrre il nuovo film Mitch Winehouse sarà affiancato da Red Traviss, ex fidanzato dell'artista, anche lui abbastanza indispettivo per il ?trattamento? riservatogli dalla regista indiana nel documentario.

Eppure il film era stato realizzato con l'assenso dei genitori e dei parenti più stretti della cantante, che compaiono anche nella pellicola. Ma quello che li ha lasciati più interdetti è lo spazio riservato all'ex-marito di Amy Winehuose, Blake Fielder-Civil, vero responsabile dell'autodistruzione della figlia, secondo il signor Mitch, ma che nel film accusa proprio il padre di essere uno dei responsabili della morte di Amy.

Il film di Asif Kapadia Amy, sarà proiettato in Italia il 15, 16 e 17 settembre.