Home Live newsChild 44 – Il bambino numero 44, da domani al cinema

Child 44 – Il bambino numero 44, da domani al cinema

Nelle sale italiane il film censurato in Russia sulla storia di uno dei peggiori serial killer di sempre, con Tom Hardy, Noomi Rapace, Gary Oldman e Vincent Cassel. Trailer ed anticipazioni

Foto: Tom Hardy e Noomi Rapace in una scena del film  - Credit: © Adler

29 Aprile 2015 | 22:23 di Lorenzo Di Palma

Uscirà domani, giovedì 30 aprile, nei cinema italiani Child 44-Il bambino numero 44, un film di Daniel Espinosa tratto dell’omonimo romanzo di Tom Rob Smith e ispirato alla spaventosa vicenda realmente accaduta nella Russia stalinista, del serial killer Andrej Romanovič Čikatilo, soprannominato il Mostro di Rostov, accusato dell'omicidio di 53 donne e bambini fra il 1978 e il 1990.

Il Mostro di Rostov fu arrestato e condannato a morte solo nel 1994, con tanto ritardo perché all’epoca stalinista, anche solo parlare di questo tipo di crimine "comune solo nelle edonistiche nazioni capitaliste" era vietato. E come se non bastasse anche nella Russia moderna il film è stato bandito e non potrà essere distribuito per decisione del Ministro della Cultura. 

Protagonista del film, prodotto da Ridley Scott, è Tom Hardy, nei panni di Leo Demidov, una delle migliori menti dei servizi segreti sovietici, alla ricerca di un serial killer di bambini. L’ostruzionismo del regime però non renderà semplice le sue indagini, rifiutando l’esistenza di un assassino seriale sul territorio comunista, “risanato” da ogni male e da ogni crudeltà capitalista. Hardy/Demidov, accusato di tradimento dal collega rivale Vasili (Joel Kinnaman) dopo aver rifiutato di denunciare la moglie Raisa (Noomi Rapace), perderà il suo ruolo, il suo potere e la sua casa, costretto all’esilio da Mosca a uno squallido avamposto provinciale. Leo e Raisa non si daranno per vinti e, nonostante le pressioni del regime e con l’aiuto del generale Mikhail Nesterov (Gary Oldman) continueranno le ricerche per scovare l’aberrante mostro e per ribaltare l’idea che «Non esistono omicidi in Paradiso».