Home Live newsÈ morto Greg Lake, di Emerson, Lake and Palmer

È morto Greg Lake, di Emerson, Lake and Palmer

Addio anche al bassista del supergruppo inglese. Aveva 69 anni ed era malato di cancro. Ha fatto lo storia della musica rock e fondato anche i King Crimson

Foto: Greg Lake nel 2001, sul palco con Ringo Starr  - Credit: © SplashNews

08 Dicembre 2016 | 15:29 di Lorenzo Di Palma

«Ieri, 7 dicembre, ho perso il mio migliore amico dopo una lunga e ostinata battaglia contro il cancro. Greg Lake rimarrà per sempre nel mio cuore, come è sempre stato. La sua famiglia apprezzerebbe il rispetto della privacy in questo momento di dolore». Con queste parole, che il manager Stewart Young ha pubblicato sulla pagina Facebook del gruppo, è stata annunciata la scomparsa di Greg Lake, pilastro del supergruppo Emerson, Lake & Palmer, avvenuta il 7 dicembre 2016, dopo una battaglia contro un tumore, all'età di 69 anni.

Gregory Stuart Lake, detto Greg, nato a Poole, in Inghilterra, il 10 novembre 1947 è stato un bassista, ma anche un chitarrista, cantante (la sua voce è una delle più riconoscibili e imitate nella storia del rock) e produttore discografico tra i più influenti e rispettati della sua generazione e sarà per sempre ricordato per essere stato membro e cofondatore di due gruppi che hanno praticamente ?inventato? il rock progressivo, ovvero i King Crimson prima e il trio Emerson, Lake & Palmer, poi.

Lake, trasferitosi negli Usa molti anni fa, non aveva mai smesso di suonare in studio e sui palchi di mezzo mondo, almeno fino a quando ha potuto. Nel 1992 aveva partecipato alla reunion degli ELP, incidendo altri tre album in un triennio. Nel 2001, era stato in tournée con Ringo Starr, e nel 2003 si era speso in un evento di beneficenza a Londra con altre star internazionali per raccogliere fondi proprio per la ricerca contro il cancro. Ma Lake ha collaborato anche con Pete Townshend e i The Who (nel singolo ?Real Good Looking Boy? per esempio) e soprattutto ha contributo a lanciare molti giovani talenti.

Nel gennaio scorso, il Conservatorio Nicolini di Piacenza gli aveva attribuito la prima laurea ad honorem mai attribuita da un Conservatorio italiano. Solo pochi mesi fa era morto anche il tastierista del supergruppo, Keith Emerson, suicidatosi negli Usa con un colpo d'arma da fuoco, secondo i risultati dell'inchiesta ufficiale.