Home MusicaI 10 artisti che ascolteremo nel 2018, secondo la BBC

I 10 artisti che ascolteremo nel 2018, secondo la BBC

Da Khalid a Tom Walker e Billie Eilish: secondo il sito inglese, questi i cantanti su cui puntare il prossimo anno

 - Credit: © Facebook ufficiale

20 Dicembre 2017 | 12:00 di Giulia Ciavarelli

Come ogni anno, è stata pubblicata la classica lista "Sound of" stilata dalla BBC che delinea quelle che saranno le stelle nascenti della musica internazionale. La lista dei sedici artisti, selezionati da una giuria composta da un gruppo di esperti e addetti ai lavori del settore musicale provenienti da tutto il mondo, dà uno sguardo al futuro della musica e riesce a predire alcune delle star future.

Giunta alla sedicesima edizione, il premio della BBC rappresenta ancora oggi l'indicatore più attendibile per quanto riguarda la musica e i gusti del grande pubblico, una sorta di barometro del loro futuro successo. Negli ultimi anni, il premio "Sound of" ha incluso storie di grande appeal commerciale: da Ellie Goulding, Sam Smith, Stormzy fino ad Adele, 50 Cent e Mika.

Le figure musicali del 2018 sono, invece, tutte giovanissime (il più grande è il ventiseienne Tom Walker), provengono da ogni parte del mondo e propongono un assemblaggio di stili e influenze diverse: leggiamo il nome della cantautrice Rex Orange County, il rapper britannico Yxng Bane, il mondo indie rappresentato da Sam Fender, la musica scandinava di Alma e Sigrid, e infine la statunitense Billie Eilish che a 15 anni è tra le più giovani ad essere stata mai inserita nella lista. Questo elenco include anche l'artista statunitense R&B Khalid, il cui album di debutto ha raggiunto il quarto posto nelle classifiche americane di quest'anno. 

Per conoscerli da vicino, abbiamo selezionato i dieci artisti più interessanti promossi dalla BBC.

ALMA

Capelli fluorescenti e giubbino di pelle, Alma è una ventenne finlandese che ha attirato l'attenzione del suo paese nel 2013 arrivando quinta al talent Pop Idol. «I miei capelli hanno avuto tutti i colori che potreste immaginare: rosa, blu, verde, giallo, rosso, viola, biondo»: camaleontica con l'attitudine da punk, Alma canta Nina Simone e i The Rasmus per poi andare in tour con il rapper finlandese Sini Sabotage. Firma il contratto con la Universal e la sia strada musicale è tutta in salita: debutta con «Karma», gli stream di Spotify superano i 20 milioni e ad apprezzare il suo talento è un grande della musica, Elton John.

Billie Eilish

All'età di 15 anni, Billie Eilish è già una promessa del pop americano. Classe 2001, nata a Los Angeles, Billie è immersa nel mondo musicale sin da bambina: entra a far parte di un coro, ad undici anni scrive già i suoi inediti e nel 2016 debutta con Ocean Eyes, brano algido e maturo che rimanda alle atmosfere di Lana Del Rey. Con il passaparola, la canzone viene ascoltata milioni di volte in meno di due anni. Se vi sembra una voce già sentita, probabilmente siete amanti delle serie tv: voce potente e tempi rilassanti, «Bored» è la canzone inserita nella colonna sonora della serie di successo di Netflix «13 Reasons Why». I fan italiani potranno conoscerla dal vivo domenica 18 febbraio quando Billie farà tappa a Milano con il suo «Where’s My Mind’ Tour».

Khalid

«Non posso credere che la mia voce sia in una canzone di Kendrick Lamar» scrive Khalid in un tweet all'uscita della traccia «The Heart Part IV» che precede l'album di Kendrick dal titolo «DAMN». Ha sconvolto la scena R&B con l'album di debutto, «American Teen», scritto quando era ancora al liceo e con testi radicati nelle sue autentiche esperienze adolescenziali. Altri riconoscimenti: ha fatto il giro del mondo come opening per i live di Lorde ed è stato nominato ben cinque volte ai Grammy 2018, incluso il prestigioso Best New Artist. Khalid non è di certo una novità ma il nuovo anno sarà quello fortunato.

Pale Waves

«Sensazioni indie-pop ispirate agli anni Novanta, intrise di reverbero e glitter»: descrivono così la loro musica i Pale Waves, inseparabile quartetto di Manchester che ritroveremo nelle classifiche dell'anno nuovo. Chitarre e melodie facili che entrano subito in testa, e colpiscono Matty Healy dei The 1975. Due singoli, un video e un mega tour negli Stati Uniti, un lavoro che li indirizza sulla buona strada per essere una delle band alternative del 2018.

Rex Orange County

Avrete già sentito parlare di questo vibrante scrittore di musica pop: lui è Rex Orange County e il suo è l'album dell'anno, «Apricot Princess». «Il mio cognome è O'Connor, quindi le mie iniziali sono OC. Il mio insegnante mi chiamava sempre The OC, che mi ricordava inevitabilmente la famosa serie tv» spiega Rex riguardo l'origine del suo nome, e in effetti ci sono elementi di quel sole californiano nei suoi arrangiamenti. Il cantautore inglese cresciuto a Haslemere, sobborgo della contea meridionale del Surrey, scrive testi potenti, sinceri e pieni di ottimismo. Il suo genere è ibrido e oscilla tra il pop brillante e l'R&B raffinato che ricorda le sonorità di Frank Ocean.

Sigrid

Iniziamo dai suoi live, perché la giovane popstar a soli 21 anni ha una presenza scenica carismatica davvero forte, quasi invidiabile. La magia sonora proveniente dalla Norvegia si chiama Sigrid, prima scandinava ad essere presente nel "Sound of" dopo la svedese Say Lou Lou nel 2014. La musica è di famiglia: suo padre le dava lezioni di chitarra, la nonna di pianoforte, la sorella di canto e ha iniziato a scrivere i testi professionalmente per gli spettacoli del fratello. Il debutto con «Do not kill my vibe» è un inno a chi è pronto a reagire.

Tom Walker

Non tutti possono vantare la famiglia musicale di Sigrid: Tom Walker ha imparato a suonare la batteria, la chitarra, il basso e il piano prima di iscriversi al London College of Contemporary Music per studiare la scrittura. Nato a Glasgow e cresciuto a Manchester, la musica del giovane compositore è difficile da definire e lui stesso la descrive come "un mix tra hip hop, blues, un pò di pop e una spruzzata di reggae". Il prossimo Ed Sheeran, come lo definisce la critica, ha debuttato in Italia con il singolo «Leave a light on» scritto insieme a Steve Mac. Per vederlo dal vivo, bisognerà aspettare il 19 aprile 2018 quando suonerà alla Santeria Social Club di Milano.

Sam Fender

Il mondo indie è rappresentato dal ventunenne Sam Fender. Il giovane cantautore di Newcastle commenta aspramente la società attraverso le sue canzoni: scrive testi attuali ed emotivi, accompagnati da un riff di chitarra e da un ritmo accattivante. Il suo segreto è la voce: massiccia ed ipnotica, dal vivo è davvero una forza. Fino ad ora, Fender ha accompagnato personaggi musicali del calibro di Catfish, Hozier e Daughter ma il 2018 sarà il suo anno da protagonista.

Superorganism

Tra le novità musicali del nuovo anno, c'è un gruppo che potremmo definire un esperimento pop multiculturale: i Superorganism sono otto musicisti, anzi otto amici di lunga data, provenienti da vari angoli del globo, ovvero Regno Unito, Giappone, Australia e Nuova Zelanda. Dopo il debutto con il brano «Something for your mind» (2016), si sono trasferiti in una grande casa ad est di Londra che funge anche da studio "casalingo".

Yxng Bane

Non manca il mondo rap all'interno delle star della prossima stagione musicale: Yxng Bane è un rapper inglese appartenente all'etichetta Disturbing e il suo nome deriva dal personaggio di Tom Hardy nel film Batman. Si è fatto notare per un remix di «Shape of you» dal successo virale, insieme al singolo «Rihanna», descritto come "una canzone che rende omaggio a tutte le donne come lei". Con l'approvazione di Drake, la carriera di Yxng può solo decollare.