Addio a Rino Petrosino

Lo storico fotografo di Sorrisi aveva 79 anni

30 Gennaio 2022 alle 22:30

Tv Sorrisi e Canzoni piange la scomparsa di Rino Petrosino, il suo storico fotografo, una delle colonne portanti del settimanale più venduto in Italia anche grazie al suo appassionato lavoro durato oltre quarant'anni. Si è spento al San Raffaele di Milano sconfitto da un maledetto tumore all'età di 79 anni.

Se ne è andato alla vigilia del Festival di Sanremo, manifestazione che ha seguito e fotografato dai primi Anni Ottanta. Leggendarie le sue copertine, i servizi ai cantanti pedinati notte e giorno, seguiti anche nelle loro camere da letto. E ancora decine e decine di edizioni di Miss Italia, ore e ore su set cinematografici in tutto il mondo, straordinari ritratti delle tantissime stelle, nazionali e internazionali delle irripetibili notti del Telegatto, l'evento più clamoroso della storia della televisione.

A un primo impatto appariva scostante, burbero, ma l'effetto durava un attimo. Il suo viso, un bellissimo viso, si illuminava, le labbra si aprivano in un irresistibile e contagioso sorriso e ti ritrovavi con un amico in più. La dimostrazione è la valanga di messaggi che stiamo leggendo in queste tristissime ore. Era amatissimo dal mondo dello spettacolo, del cinema, della televisione, del teatro. Tantissimi gli artisti che volevano Rino dietro la macchina fotografica e questo avrebbe potuto creare invididie, ma lui era considerato dai colleghi un indiscusso numero uno.

Si é diviso nel suo lavoro nei suoi due teatri di posa di Roma e Milano, ma il suo set era il mondo. Sempre pronto a partire dove c'era qualcosa o qualcuno da fotografare: India, Stati Uniti, Europa, Brasile, la lista é un mappamondo, il suo passaporto trasudava di timbri.

Personalmente potrei parlare di lui per ore. Ho diviso con lui oltre trent'anni della mia vita. Ho perso uno dei miei migliori amici. Rino Petrosino era un uomo buono, queste mie poche righe non sono certamente sufficenti per raccontarvelo, ma so che siete in tantissimi ad avere il vostro personale ricordo di Rino o di Vino come lo chiamavamo per quel suo singolare modo di pronunciare la erre.

Sorrisi lo piange e lo ricorderà sempre. Qui oggi lascia, più soli, la sua splendida figlia Mela, due amatissimi nipoti, la fantastica compagna Ilaria. A loro va il nostro fortissimo abbraccio. A Sorrisi lascia in eredità il suo allievo Iwan Palombi, ora a fotografare Sanremo sulle orme del suo Maestro pianto come un secondo papà.

Seguici