Home MusicaCanzoniChi è ANNA e perché cantiamo tutti la sua “Bando”

Chi è ANNA e perché cantiamo tutti la sua “Bando”

Forse non conoscete la giovane rapper che ha stracciato tutti i record, ma sicuramente state cantando la sua hit. Cosa dice il testo?

Foto: Anna  - Credit: © Jamie Robert Othieno

09 Marzo 2020 | 10:33 di Cecilia Esposito

"Ba-ba-bando, sopra il Booster / Anna fattura e no, non parlo di buste" è un ritornello che sicuramente la maggior parte di voi ha sentito in radio o sui social condivisa da qualche amico. Molto probabilmente la state anche canticchiando da settimane, ma forse non sapete niente, o poco, della canzone. 

"Bando" è il singolo della giovanissima rapper ANNA, all'anagrafe Anna Pepe, sedicenne di La Spezia che dal 31 gennaio scorso sta avendo grossa di visibilità e conquistando tutte le classifiche. Di lei si sa solo questo e che è cresciuta a pane e vinili del papà dj, ma il suo brano ha battuto in pochissimo tempo ogni record.

In sole cinque settimane, è arrivato in cima alle principali classifiche di Spotify e di Apple Music, piazzandosi, invece, alla seconda posizione di quella di Shazam. Non solo, in due settimane "Bando" si è piazzato al 35° posto di Earone, la classifica dei brani più trasmessi delle radio italiane. Come se non bastasse, nessun artista così giovane era arrivata alla vetta della classifica ufficiale italiana Fimi/GFK dei singoli

Un successo incredibile per una rapper che alle spalle ha solo qualche freestyle e che ha realizzato il brano con un beat house potente preso da YouTube. Una canzone, insomma, che entra in testa, ma il testo cosa dice? 

Cosa dice il testo di "Bando"?

Se ve lo state domandando, "Bando" - che si pronuncia "bendo" - è una parola dello slang americano che indica una casa abbandonata spesso sfruttata per lo spaccio di droga, indicata anche come "traphouse". ANNA, tuttavia, la utilizza erroneamente per intendere "quartiere", come ha evidenziato una sua intervista al Corriere della Sera. 

Quando, invece, dice "Anna fattura e no, non parlo di buste" si riferisce alla cocaina, solitamente spacciata in piccole buste di plastica – per questo nel linguaggio trap spesso si sente parlare di "buste". 

Qua e là compaiono slang milanesi e non, come "zanza" che sta per "furbo", oppure "frèro" per intendere "fratello" in senso amichevole. In generale, nel testo ANNA sembra volersi prendere la sua rivincita contro quelli che prima del successo non la supportavano, e che forse la deridevano anche, non solo facendo capire a tutti chi comanda, ma anche vantandosi del suo talento.

Dunque, al momento ANNA sembra essere l'artista più interessante in circolazione, o almeno secondo le classifiche e gli ascolti online. Certo, è presto per osannarla come talento o stroncarla, vista la sua giovane età e una carriera appena iniziata. Molti, infatti, ha storto il naso vedendo i numeri che ha fatto in così poco tempo, arrivando anche a firmare per una major, ma come funziona l'industria musicale nel 2020 è un'altra storia. 

Rimane la curiosità di vedere cosa ci riserverà ANNA in futuro – sperando sia prossimo. 

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da AYYY ANNA (@annapep3) in data: