La canzone dell’estate? “Disco Paradise” di Annalisa, Articolo 31 e Fedez

Il singolo, uscito a fine maggio, sta facendo sfracelli e si appresta a diventare il tormentone del 2023

Annalisa, Fedez e Articolo 31
15 Giugno 2023 alle 08:01

Annalisa ha mille mollette in testa per la piega, che sarebbero perfette per il look “aggressivo” che ha scelto. Fedez si aggira per lo studio con l’immancabile sigaretta elettronica in bocca, le ciabatte di plastica e la camicia aperta. Vestiti di tutto punto, invece, gli Articolo 31, J-Ax e Dj Jad, cordiali e colorati come il loro umore. D’altra parte il singolo “Disco Paradise”, uscito a fine maggio, sta facendo sfracelli e si appresta a diventare il tormentone dell’estate. Non a caso è stato scelto come colonna sonora della pubblicità del Cornetto Algida e come sigla dell’evento musicale dell’estate, “Battiti Live”.

Fedez, hai inaugurato il tuo cambio di casa discografica, ora è la Warner, con un singolo che spacca. Che cosa lo ha ispirato?
Fedez: «L’input è stata una grande prestazione di gruppo. Nasce da un provino di un team con cui sia Annalisa sia io lavoriamo da anni, cioè Davide Simonetta e Paolo Antonacci (figlio di Biagio, ndr). Il brano aveva già una prima versione cantata da Annalisa, poi lei, io e Alessandro (J-Ax, ndr) abbiamo lavorato un po’ alla produzione in studio e sul testo nuovo. Ciascuno ha fatto la sua parte».

Qual è stato il contributo di ognuno di voi?
Ax: «Io e Fedez abbiamo lavorato alle nostre strofe, che abbiamo scritto insieme. Poi siamo andati in studio con Jad che ha aggiunto dei “campioni” e degli “scratch” (il suono della puntina del giradischi che “gratta” il vinile, ndr) alla base prodotta da Davide Simonetta. Annalisa ha ricantato la canzone con quelle due piccole modifiche al testo che avevamo fatto. Il pezzo prima non si intitolava così: abbiamo voluto omaggiare gli Anni 80 citando “Girls just want to have fun” di Cyndi Lauper e “Disco Inferno” dei The Trammps. Ci siamo detti: “Dopo Disco Inferno perché non fare Disco Paradise?”».

Com’è andata questa vostra prima volta tutti insieme?
Jad: «È stato molto divertente. Si è visto anche al Forum di Assago durante il concerto degli Articolo 31, quando sul palco abbiamo cantato il brano insieme per la prima volta».
Ax: «So per esperienza che quando ci sono autori che arrivano da anni di grandi successi e vuoi cambiare la minima cosa, si litiga. Qui invece erano tutti disponibili ad ascoltare le idee degli altri e a lavorare per accontentare le esigenze artistiche di ciascuno. Così c’è il “groove” degli Articolo 31, la contemporaneità di Fedez e il pop di Annalisa. È un brano che unisce i nostri mondi ed è digeribilissimo dal primo ascolto».

Voi che siete dei maestri in materia, ci spiegate cosa trasforma una canzone in un tormentone?
Jad: «Divertirsi!».
Annalisa: «Penso che la felicità di fare qualcosa con degli artisti che si stimano tanto sia la cosa principale, perché poi la gente percepisce la gioia di chi sta in prima persona sul palco, dietro un microfono o alla scrittura. Per quanto mi riguarda di gioia ce n’è parecchia, mi auguro che questo sentimento si percepisca».
Ax: «Quando sento parlare di formule dietro ai tormentoni e alle canzoni di successo mi viene sempre un po’ da ridere. Specialmente fra chi non li fa e poi dice: “È sufficiente prendere gli autori migliori, collaborazioni di grido e confezioni il singolo”. In realtà non è una questione di potenza produttiva, la musica rimane un medium dove trasmetti i tuoi sentimenti. Se questi non esistono o sono artefatti, la canzone non arriva. Non c’è una formula. Certo, lavorare con i migliori ti mette in una situazione dove è difficile sbagliare, ma poi sei tu che devi fare le scelte giuste. Devo dire che però c’è sempre bisogno di un regista e Federico (Fedez, ndr) è stato bravissimo a mettere insieme spiriti diversi e a farci risultare credibili nel pezzo».
Fedez: «Per fare un bel progetto musicale ci vuole una forte coesione e la volontà di vivere insieme esperienze per un periodo breve ma intenso!».

Quanto a tormentoni, la concorrenza questa estate è davvero agguerrita. Chi temete di più?
Fedez: «È indubbio che sia un’estate affollata, ma non credo che ci sia una gara. Penso invece che ogni artista voglia fare delle canzoni che vengano ascoltate da più persone possibili. La nostra è pop e fare questo genere non è la strada più semplice. È la musica “urban” a farla da padrona nelle classifiche, ma noi abbiamo deciso di realizzare quello che sappiamo fare, senza snaturarci».
Ax: «Spero che sia uno dei successi dell’estate. Personalmente punto al secondo posto perché il primo è quello che alla fine rompe, invece il secondo è quello che ti ricorda un’estate bella. Hai vinto, ma non fai venire l’orticaria a chi a settembre torna a lavorare (ride)».
Annalisa: «Immaginarsi come sfondo a momenti indimenticabili dell’estate di qualcuno è bellissimo».
Jad: «Come spirito ed energia, per me abbiamo già vinto!».

Che cos’è il “Disco Paradise”?
Annalisa: «Va lasciato alla libera interpretazione di ciascuno, ma si tratta sempre di qualcosa di bello, altrimenti non si chiamerebbe così».
Ax: «Nell’arte succede di vederci quello che vuoi tu. Quindi, pensa alla cosa che ti piace di più che uno ti faccia quando ti annoi: quella è la “Disco Paradise”».
Fedez: «Sono d’accordo».

Federico, nel testo canti: «Tu sfili sulla spiaggia come Gigi Hadid». Anche nella serie “The Ferragnez” citi la modella. Come mai?
Fedez: «È una parentesi giocosa, ironica. Mi faceva ridere inserirla nel testo».

Tua moglie Chiara Ferragni ci è rimasta male?
Fedez: «Siamo ancora sposati, quindi credo di no...».

Ax, nel ritornello dici: «Se penso al mio futuro vado in panico, l’ansia fa su e giù tipo yo-yo». Conoscete il problema personalmente?
Ax: «Tutti oggi se pensano al futuro vanno nel panico. Abbiamo sofferto di problemi di ansia in quanto artisti e persone sensibili. È un problema diffuso».
Jad: «È vero quello che dice Ax. Le persone sensibili e creative soffrono moltissimo d’ansia e a un certo punto devi fartela amica».
Fedez: «Io ci convivo, ma non è diventata una mia amica».
Annalisa: «Nemmeno io me la sono fatta amica. Viene fuori soprattutto quando sono da sola a casa, magari di notte. Nei periodi di stress e grande lavoro dormo pochissimo e mi capita che venga a trovarmi, ma maschero bene».

La parola d’ordine di “Disco Paradise” è spensieratezza: a voi, musica a parte, cosa diverte?
Jad: «Mio fratello Wlady (dj e produttore, ndr). Sto giorno e notte con lui e mi prende bene».
Fedez: «Passare del tempo di qualità con la mia famiglia. I bambini ti regalano tanti momenti esilaranti, soprattutto dai 2 ai 3 anni. Cerco di godermeli il più possibile».
Ax: «Ovviamente il tempo passato con la famiglia è la cosa migliore. Bravo Fede, perché uno pensa agli hobby mentre la cosa più bella è divertirsi con i bambini: nel mio caso però è uno che va per i 7 anni. Il mio hobby, invece, è fare cose da “nerd”, tipo programmare computer e videogiochi. Sono molto orgoglioso di questo mio lato».
Annalisa: «A me diverte tornare nel mio paesino e passare del tempo con gli amici di sempre, in alcuni casi conosciuti all’asilo. Sentirmi protetta mi fa stare bene. Ma mi diverte anche non fare niente! Lo dico senza vergogna».

Nei giorni scorsi avete girato il video. Cosa vedremo e com’è andata?
Ax: «La canzone sta andando benissimo anche senza video, non vogliamo farlo uscire se non ci soddisferà completamente: non abbiamo fretta».

Prossimo appuntamento: il palco di “Love Mi”, il 27 giugno.
Fedez: «Canteremo insieme “Disco Paradise” e poi ognuno farà la sua parte di concerto. Avremo 29 artisti e aiuteremo l’Associazione “Andrea Tudisco” che si occupa di dare accoglienza a bambini con patologie molto gravi e alle loro famiglie. C’è già il numero solidale, 45.596, attivo fino al 2 luglio, speriamo di raccogliere più soldi possibili».

Annalisa, il 4 novembre canterai per la prima volta al Forum di Assago. Verranno anche i tuoi colleghi?
Annalisa: «È una grandissima gioia e fin da ora motivo di “ansia bella”. Non vedo l’ora di poter condividere quel momento. Spero che vengano anche loro tre, le porte sono spalancate».
Ax, Fedex, Jad: «Ci saremo!».

Che estate vi aspetta?
Jad: «Di fuoco, dai primi di luglio riparte il tour degli Articolo 31».
Ax: «Niente vacanze quest’anno, ma lavorare è un piacere. È un tour pieno di emozioni, da tanto tempo la gente ci aspettava e siamo molto contenti».
Fedez: «Sarà un’estate impegnativa, ma cercherò di ritagliarmi una parentesi con la mia famiglia».
Annalisa: «Anche io avrò un’estate super impegnativa. Spero ad agosto di riposarmi per qualche giorno, ne avrò bisogno. Ho provato a pensare a dove andare, ma mi sono già stressata!».

Federico, nelle prossime settimane sarai impegnato anche con i casting di “X Factor”. Contento di ritrovare Morgan fra i giudici?
Fedez: «Assolutamente sì. Spero che possa essere un’occasione per lui per tornare in grande stile, sono curioso come tutti del suo arrivo».

Lasciamoci con un augurio ai lettori per questa estate.
Jad: «Che sia un’estate paradisiaca!».
Annalisa: «Sulle note di “Disco Paradise”, ovviamente...».

Seguici