Muse: “Ghost” è il nuovo singolo con Elisa

La band britannica pubblica un duetto a sorpresa, per la prima volta insieme a un'artista italiana

25 Novembre 2022 alle 09:38

La sorpresa di vedere i loro nomi accostati è tanta, soprattutto se non c'è stato alcun tipo di indizio se non l'ufficialità sui social: i Muse ed Elisa pubblicano un duetto, che possiamo ascoltare da venerdì 25 novembre su tutte le piattaforme digitali. Si intitola “Ghosts (how can I move on)” ed è una versione esclusiva di un brano della band britannica già pubblicato nell'ultimo album "Will of the People", entrato in prima posizione tra i più venduti in Italia. Per loro, questo è il primo singolo con un’artista italiana.

«Abbiamo sempre pensato che questa canzone sarebbe stata perfetta per una potente voce femminile. Siamo entusiasti che Elisa sia la prima di una serie di collaborazioni future che i nostri fan ascolteranno» commenta la band.

«Ho avuto l'occasione, e la fortuna, di incontrare i Muse nei primi anni 2000, a un festival italiano al quale partecipavamo entrambi, ed è stato incredibile perchè io li ascolto da sempre. È una collaborazione stimolante per il bellissimo intreccio tra la mia storia personale con loro e il grande valore artistico della band, fatta di eccezionali performer» racconta Elisa.

«Matthew Bellamy ha un talento straordinario, ha portato il rock nel mainstream con un mix originalissimo capace di mescolare la musica classica del pianoforte e delle melodie della sua voce con un rock super energico che trova nei live la sua massima espressione» conclude.

Il giorno dell'uscita del duetto coincide con la pubblicazione di "Back To The Future Live - Part III": dopo il lungo tour estivo, Elisa pubblica l'ultima parte della trilogia contenente i brani live registrati durante il concerto all'Arena di Verona più una traccia inedita intitolata "Tienimi con te".

L'artista è pronta a tornare nei teatri con “An Intimate Night”, una serie di date speciali che attraverseranno l'Italia: da Trieste e Bologna a Milano, Torino, Firenze, Roma e Catania.

Seguici