Home MusicaConcertiAdele in concerto all’Arena di Verona: cosa aspettarsi

Adele in concerto all’Arena di Verona: cosa aspettarsi

Siamo andati alla prima delle due date di Barcellona per raccontarvi lo show che ci sarà il 28 e 29 maggio: scaletta, video e foto

Foto: Adele live a Barcellona  - Credit: © Xavi Torrent/Getty Images

25 Maggio 2016 | 08:30 di Chiara Colasanti

In attesa dell'arrivo di Adele in Italia per due concerti sold out, il 28 e il 29 maggio all'Arena di Verona, siamo andati alla prima delle due date al Palau Sant Jordi di Barcellona e abbiamo visto lo spettacolo che andrà in scena anche sul prestigioso palco italiano.

La cantante inglese inizia lo spettacolo puntualissima: alle 21 precise le luci si spengono e dal palco isolato, posizionato al centro del parterre, inizia a cantare il singolo che ha sancito il suo ritorno dopo il momentaneo ritiro dalle scene: "Hello" inonda il palazzetto e sugli spalti nessuno riesce a stare in silenzio.


Nel corso di un'ora e quaranta abbondante di concerto, Adele non solo canta quasi venti canzoni del suo repertorio, ma si intrattiene con i fan facendone salire tre sul palco dopo aver notato con quanto trasporto ballassero e cantassero; passa dieci minuti piegata quanto più possibile per far scattare selfie ai fan dalle transenne attorno al palco; racconta episodi di vita vissuta in cui narra storie di sbronze prese durante il precedente tour, stripper che fanno arrivare conti di champagne decisamente salati e fa partire la ola nel palazzetto iniziando a cantare cori da stadio prima di alzare la gonna del vestito e imitare Messi che dribbla.

Adele ha esordito scusandosi: «Mi spiace per chi è venuto qui stasera pensando di assistere a uno spettacolo triste... nonostante dalle mie canzoni non sembri, io mi diverto tantissimo!» e ha mantenuto la promessa.

Non solo siparietti comici e battute intervallate dalla sua risata contagiosa, ma anche momenti decisamente più seri e molti spunti di riflessione nelle introduzioni delle varie canzoni.
Sappiamo quanto Adele si racconti bene in musica, ma riesce a commuovere anche usando solamente le parole: quando introduce canzoni come "Someone Like You" o "When We Were Young" riflette su quanto il passato faccia ancora parte del suo presente, ma l'amore per il marito e l'arrivo di suo figlio l'abbiano fatta diventare una persona differente da quella che un tempo era, non per forza migliore, ma nemmeno peggiore, semplicemente un'altra versione di sé, da accettare e amare così com'è.

In chiusura, sulle note di "Rolling In The Deep", scompare dal palco principale grazie ad una botola lasciando il pubblico con il desiderio di continuare a cantare e ballare, ma i sorrisi sui volti delle persone che escono e le loro voci che intonano ancora le canzoni appena ascoltate parlano chiaro: il bilancio è decisamente positivo, nonostante i fantasmi personali che canzoni come quelle di Adele possono risvegliare in ognuno di noi.

La scaletta:
1. Hello
2. Hometown Glory
3. One and Only
4. Rumour Has It
5. Water Under the Bridge
6. I Miss You
7. Skyfall
8. Million Years Ago
9. Don't You Remember
10. Send My Love (to Your New Lover)
11. Make You Feel My Love
12. Sweetest Devotion
13. Chasing Pavements
14. Someone Like You
15. Set Fire to the Rain
16. All I Ask
17. When We Were Young
18. Rolling in the Deep