Home MusicaConcertiBruce Springsteen al Circo Massimo

Bruce Springsteen al Circo Massimo

In vendita i biglietti per la data del 16 luglio a Roma. Sold-out lo show di Milano del 3 luglio

Foto: Bruce Springsteen in concert a Newark, New Jersey  - Credit: © SplashNews

13 Febbraio 2016 | 12:15 di Lorenzo Di Palma

È andato in ?sold out? in pochi minuti il concerto di Bruce Springsteen e la E-Street Band in programma per il 3 luglio allo Stadio San Siro di Milano che già si preannuncia come uno dei live più attesi della prossima estate.

I fan irriducibili del Boss rimasti a mani vuote, però, possono provare da oggi, sabato 13 febbraio, ad aggiudicarsi i biglietti per la seconda data di Springsteen, in programma a Roma il 16 luglio, dove si esibirà per la prima volta al Circo Massimo nell'ambito del Postepay Rock in Roma.

I ticket saranno invece disponibili a partire dalle ore 11 di oggi, sabato 13 febbraio, esclusivamente on line su www.ticketone.it, dalle ore 11 di lunedì 15 febbraio nei punti vendita TicketOne e dalle ore 9 di lunedì 15 febbraio nei punti vendita Box Office Lazio, Vivaticket, Booking Show, Etes e online sul circuito PostePayFun.

Sia online che nei punti vendita il limite di acquisto è di due biglietti a transazione.

Il tour di Bruce Springsteen arriva dopo la pubblicazione, lo scorso 4 dicembre, di The Ties That Bind: The River Collection, cofanetto che offre una retrospettiva completa su uno dei periodi principali della carriera dell'artista, che lo portò nel 1980 alla pubblicazione di uno dei suoi dischi più belli: The River.

Il cofanetto è composto da quattro Cd per 52 brani con moltissimo materiale inedito (il doppio album The River originale, la prima release ufficiale di The River: Single Album e un Cd di outtake 1979/80), tre Dvd con oltre quattro ore di immagini esclusive (un doppio Dvd con immagini tratte dal famoso show di Springsteen del 1980 a Tempe, in Arizona, e The Ties That Bind, nuovo documentario su The River) e un libro illustrato contenente 200 scatti rari e inediti con un nuovo saggio di Mikal Gilmore.