“Eolie Music Fest”: musica, mare, sole e… le Isole

Concerti in mare ed eventi a terra, una settimana diversa da tutto

3 Luglio 2023 alle 21:42

Un festival musicale nato durante la pandemia con un'idea geniale: un palco galleggiante, a bordo di un caicco e il pubblico a bordo di barche di ogni tipo per mantenere le distanze di sicurezza. Poi è piaciuto talmente tanto che, anche ora che siamo tornati alla normalità, l'impostazione è rimasta la stessa.

"Eolie Music Fest" è giunto alla terza edizione ed è ancora più grande e più bello di prima grazie all'impegno di Samuel Romano, il direttore artistico, e di tutti gli artisti e le persone coinvolte nell'organizzazione che, come si può facilmente intuire non è semplice. Spostare attrezzature, strumenti e accoglienza via mare, ogni giorno in un'isola diversa, richiede impegno e dedizione, soprattutto nell'affrontare imprevisti come mare mosso e tempo instabile.

Ma tutto passa una volta che si lascia spazio alla musica, al mare e alla voglia di divertirsi. Il festival ha avuto il suo primo live sabato 1° luglio, in una rada dell'isola di Salina. Il caicco con il palco al centro e tutto intorno le barche con il pubblico, subito catapultato in un'atmosfera magica, nel tardo pomeriggio, con quella luce caratteristica dei tramonti sul mare.

Stellare e Corally hanno aperto la serata, proseguita poi con una potente esibizione acustica di Motta che ha cantato con trasporto i suoi pezzi più famosi, a partire da "La nostra ultima canzone" per poi finire con un duetto assieme a Samuel atteso da più di tre anni in un live, ovvero la nuova versione di "Tutti i miei sbagli".

Il traino giusto per invogliare il pubblico a scaldare la voce, pronto a usarla con forza nel live di Elisa, protagonista assoluta della giornata.

Un inizio "tranquillo" ha via via lasciato spazio a un crescendo di entusiasmo mano a mano che la cantante ha intonato i suoi brani che sono entrati nella storia della musica italiana. L'atmosfera si è scaldata con "O forse sei tu" per poi esplodere con "Gli ostacoli del cuore", con tutto il pubblico a cantare da tutte le barche ormeggiate intorno al caicco centrale.

È stato un momento magico, un'atmosfera incredibile creata dall'eccezionalità della location e dal fatto di essere in mezzo al mare, cullati dalle onde e trasportati da una sana voglia di divertimento.
La serata si è conclusa all'imbrunire con un djset dei Krakatoa, reso unico dal suono a 360° dell'impianto audio, con le casse ospitate su due barche ausiliarie che restituivano l'impressione di ritrovarsi al centro di un dancefloor galleggiante.

"Eolie Music Fest" è un'esperienza da vivere, qualcosa di diverso da tante altre manifestazioni estive, un'idea innovativa che permette di vivere il mare e le Isole in un modo nuovo. E sostenibile. Sì, perché, tutto è organizzato con attenzione all'ambiente e sostenuto da partner commerciali che aderiscono alle linee guida dell'ecosostenibilità.

Purtroppo il mare grosso ha impedito la seconda giornata di musica in mare, tanto è vero che la seconda serata con Stellare, Myss Keta e Krakatoa è stata spostata ai Giardini di Lipari. Atmosfera diversa, ma comunque unica, sotto il cielo stellato eoliano.

Il festival continua ancora per tutta la settimana (trovate il programma completo nel link qui sotto), noi dobbiamo tornare in città, provando una certa invidia per chi avrà la possibilità di vivere altre giornate come quelle appena passate.

Seguici