Home MusicaConcertiFesta della Musica: Renzo Arbore testimonial dei giovani

Festa della Musica: Renzo Arbore testimonial dei giovani

Primo cartellone provvisorio degli artisti e delle città che parteciperanno alla grande manifestazione del 21 giugno, solstizio d’estate. Si parte però con i giovani sabato 18 giugno

Foto: Renzo Arbore  - Credit: © SplashNews

04 Giugno 2016 | 19:56 di Lorenzo Di Palma

Sono già oltre 5.800 gli artisti che hanno aderito e oltre 160 le città che ospiteranno gli eventi della “Festa della Musica”, prevista per il prossimo 21 giugno e quest’anno per la prima volta patrocinata dal Ministero dei Beni Culturali.

Altra novità dell’edizione 2016 della kermesse che riempierà di suoni le nostre città è l’anteprima prevista per sabato 18 giugno a Mantova, "Capitale della Cultura 2016", con la “Festa dei 1000 Giovani per la Festa della Musica” a cura del MEI (l'associazione delle etichette indipendenti) che vedrà per la prima volta in contemporanea nella città dei Gonzaga dieci palchi con dieci diversi generi e stili: dal pop al folk, dal rap al rock, dai cantautori al jazz, dall’etnoworld all’elettronica fino alla musica contemporanea.

Con molti artisti - come Luca Barbarossa, Eugenio Bennato, Omar Pedrini, Tosca, Lo Zoo di Berlino con Patrizio Fariselli degli Area e Ivana Gatti, Marco Ferradini, Stefano Saletti & Banda Ikona, Peppe Voltarelli, Tricarico, Ivan Cattaneo, Mauro Negri e Alessandro Solbiati - a fare da “padrini” alla manifestazione e a giovani di talento come, tra gli altri, i Kutso, Pilar, Chiara Dello Iacovo, Cecìle, Serena Abrami, Stag con Marco Guazzone, Roberta Di Lorenzo, Cortex, Fabio Dal Min, Marco Sbarbati, Debbit, Dinastia, Voina Hen, Molla, Il Pinguino Imperatore, Giovanni Di Giandomenico, Stanley Rubik, Chiara Vidonis, Toot, Suntiago, Francisci, Veronica Marchi, il Geometra Mangoni, Anna Luppi, Adolfo Durante, Mud e tantissimi altri.

Le “celebrazioni” partiranno alle 14 al Teatro Bibiena con gli incontri e le testimonianze di Mogol e Luca Barbarossa con Leonardo Metalli ed Enrico Deregibus in un incontro coi giovani; gli incontri sul rock con Gino Castaldo ed Ernesto Assante; e la diffusione dei dati sul mercato musicale.

“Padrino” e testimonial d’eccezione della manifestazione è Renzo Arbore, da sempre uno dei grandi talent scout musicali del nostro Paese che ha dichiarato che “i giovani sono sempre i principali protagonisti nel rinnovare la musica e poi a goderne per tutta la vita a partire dall’età della ragione (ma chissà poi quale sarà l’età della ragione!). La musica per i giovani, soprattutto ma non solo, è consolatoria, animatrice e protagonista della vita come una misteriosa scienza che si scopre solo suonandola o ascoltandola, ma, proprio al contrario della scienza, la musica è bella proprio quando non è esatta come nel caso della musica dei giovani, del jazz, dell’improvvisazione e di tutte quelle musiche capaci di innovare la straordinaria meraviglia delle sette note”.

Per il calendario completi degli eventi previsti in tutta Italia, che sarà completo solo dal 10 giugno in poi, si può consultare il sito: www.festadellamusica.beniculturali.it