Gemitaiz e MadMan: «Abbiamo aspettato tre anni per fare questa grande festa!»

Torna dal vivo il duo tra i più forti della scena rap: siamo stati alla prima data milanese del loro tour nei palasport italiani

4 Ottobre 2022 alle 12:16

«Chi c’era qui dal 2012?» e il Forum di Assago si riempie subito di mani alzate: i fan di Gemitaiz e MadMan ci sono tutti, e sono quasi tredicimila. Chi li segue dalla loro prima collaborazione e chi li sostiene per i percorsi discografici da solisti che continuano a portare avanti: i rispettivi concerti estivi sono stati solo l’antipasto di quello che abbiamo visto nella prima data milanese del tour indoor, lunedì 3 ottobre, completamente sold out.

Dopo tre anni di attese e rinvii, dovuti all’emergenza sanitaria, finalmente il duo rap tra i più seguiti e amati degli ultimi anni mette in scena un concerto esplosivo, forte nei contenuti e sorprendente nella sua realizzazione. Una lunga consolle occupa il palco centrale, un maxi schermo proietta colori e forme sincronizzate al ritmo dei brani mentre una passerella si proietta al centro facendosi spazio tra il pubblico.

È proprio qui che si svolgerà parte del live: «non è un lavoro questo…stasera è una festa!» urla MadMan rivolgendosi ai fan al termine delle due ore di concerto dove è stato quasi impossibile rimanere fermi. «Prima di salire eravamo ansiosi» confidano in una delle poche dichiarazioni della serata, il resto è stato affidato al loro mondo sonoro: pochi effetti scenografici ma solo tante luci colorate che ruotano intorno a un vero e proprio esercizio di stile. Dopo una carriera (insieme) quasi decennale, Gemitaiz e MadMan sono fuoriclasse della vecchia scuola che dimostrano una sinergia e una potenza ben consolidate, entrambi complessi ed estremamente tecnici.

In una lunga scaletta, i due rapper portano lavori discografici del passato e quelli più recenti, dai singoli alle hit della loro carriera: anche “MM Vol. 4” ed “Eclissi”, entrambi disco d’oro, sono stati inseriti nel fiume di canzoni eseguite una dopo l’altra, intervallate da un paio di pause musicali. Due dischi più cupi e introspettivi, nati dai vortici emotivi della pandemia: «Questo disco è forse il mio lavoro più completo a livello di sound, nonostante sia anche il più breve che abbia mai fatto. Ho sentito l'esigenza di esprimere quello che stavamo vivendo» ci aveva raccontato Gemitaiz in occasione dell’uscita del suo quarto album.

Con una scaletta divisa idealmente in tre parti, il segmento centrale è occupato dagli ospiti che sfilano uno a uno sul palco: il primo è Venerus, poi tocca a Ensi per “420” e Nitro con“Mama” proseguendo con Mahmood che canta insieme al duo la canzone “Karate” contenuta in “Scatola nera”, l’ultimo progetto uscito nel 2019. A completare la lista c’è Coez, che fa una tripletta finale con “Davide”, “Centro” e “Instagrammo”.

Gemitaiz e MadMan salutano il pubblico del forum con due classici, “Pistorius” e “Non Cambio Mai” prima di iniziare ufficialmente il loro tour in giro per l’Italia: le prossime tappe saranno a Roma, Napoli, Venaria Reale e Firenze con una doppietta.

La scaletta del concerto

Fuori e dentro
Esagono
Chillin
Toradol
Trapano
Rollin
Intro Mm2
Gigante
Salsa
Bene
Successo
On the corner
R8
Ciao Baby
Senza Di Me - Ft. Venerus
420 - Ft Ensi
Mama - Ft Nitro
Californication
Fiori
Storie
Karate - Ft Mahmood
Holy Grail
Hollywood
Bolla Papale
Davide - Ft Coez
Centro - Ft Coez
Instagrammo - Ft Coez
Top
Veleno 8
Veleno 7
Haterproof
Detto Fatto
Blue Sky
Scatola Nera
Veleno 6
Non se ne parla
Pistorius
Non cambio mai

Seguici