Home Live newsCristicchi: «Carla Bruni? Le ho spedito un mazzo di fiori»

18 Febbraio 2010 | 07:17

Cristicchi: «Carla Bruni? Le ho spedito un mazzo di fiori»

Tra i tormentoni e le leggende festivaliere, c'è anche quello che coinvolge la premiere dame di Francia tirata in ballo nella canzone di Simone Cristicchi, «Meno male». E lui, dopo le voci, poi smentite, su una Carla Bruni che ha dato forfait perché offesa, dichiara: «Volevo andare a Parigi per invitarla ma poi ho cambiato strada e sono andato a Londra, la mia città preferita. Comunque le ho mandato un mazzo di fiori. Non so che fine abbiano fatto, saranno appoggiati a qualche cancello dell'Eliseo»...

 di

Cristicchi: «Carla Bruni? Le ho spedito un mazzo di fiori»

Tra i tormentoni e le leggende festivaliere, c'è anche quello che coinvolge la premiere dame di Francia tirata in ballo nella canzone di Simone Cristicchi, «Meno male». E lui, dopo le voci, poi smentite, su una Carla Bruni che ha dato forfait perché offesa, dichiara: «Volevo andare a Parigi per invitarla ma poi ho cambiato strada e sono andato a Londra, la mia città preferita. Comunque le ho mandato un mazzo di fiori. Non so che fine abbiano fatto, saranno appoggiati a qualche cancello dell'Eliseo»...

18 Febbraio 2010 | 07:17 di Redazione

Simone Cristicchi (foto Massimo Sestini)
Simone Cristicchi (foto Massimo Sestini)

di STEFANIA ZIZZARI

Tra i tormentoni e le leggende festivaliere, c’è anche quello che coinvolge la premiere dame di Francia tirata in ballo nella canzone di Simone Cristicchi, «Meno male». E lui, dopo le voci, poi smentite, su una Carla Bruni che ha dato forfait perché offesa, dichiara: «Volevo andare a Parigi per invitarla ma poi ho cambiato strada e sono andato a Londra, la mia città preferita. Comunque le ho mandato un mazzo di fiori. Non so che fine abbiano fatto, saranno appoggiati a qualche cancello dell’Eliseo». E ironizza: «Proprio io che con la mia canzone ironizzo pesantemente sul malcostume di tanto giornalismo, pronto a disinteressarsi o ad accultare le notizie vere per dedicarsi al gossip, ci sono caduto con tutti e due i piedi dentro. Una canzone quasi profetica nel parlare di notizie inventate e del grande circo della chiacchiera».