Home MusicaDischi in uscitaFlorence + The Machine ci lascia entrare nel suo mondo con «High As Hope»

Florence + The Machine ci lascia entrare nel suo mondo con «High As Hope»

In uscita il 29 giugno, il quarto album della cantautrice britannica (con la sua band) è la pura espressione del suo essere. A marzo 2019 sarà in Italia per due imperdibili concerti

Foto: Florence + The Machine

29 Giugno 2018 | 12:11 di Giulia Ciavarelli

Florence + the Machine torna e annuncia due buone notizie: un nuovo album e due date esclusive in Italia. Partiamo dalla prima: disponibile nei negozi tradizionali e in digitale dal 29 giugno, il quarto album si intitola «High as hope» e rappresenta il suono e la musica di un’artista sicura della strada che sta percorrendo. Sicura di se stessa.

Florence aveva già anticipato la diversità di questo progetto rispetto ai successi del passato: da quel melodramma vocale con attacco rock a una lista di canzoni rivelatrici di un passato poco conosciuto e di un suono intimo e unico nel suo genere. A questo hanno contribuito numerosi “ospiti” del disco, da Kamasi Washington, Sampha, Tobias Jesso Jr fino a Kelsey Lu e Jamie xx.

Anche con il quarto album, Florence continua a costruire un mondo in cui gli ascoltatori possano perdersi, ma questa volta traspare una donna più calma rispetto alla ragazza che ha creato i precedenti tre album, sempre in cima alle classifiche britanniche. In un disco in cui mette tutta se stessa, si scontra con i suoi demoni e parla per la prima volta dei disturbi alimentari e del suo rapporto con l’alcool. Dalla sua adolescenza ai suoi vent’anni in una rinnovata prospettiva, è una visione sicuramente più matura: crescere nel sud di Londra, la famiglia, i rapporti, l’arte, se stessa.

Se prima molte delle canzoni erano abbinate a immagini metaforiche, in «High as hope» ci sono i ricordi dei momenti e delle persone appartenenti al passato dell’artista con un suono più misurato e intimo. «È sempre un work in progress, non c’è mai qualcosa di definitivo. Questo album però sembra davvero essere la pura espressione di chi sono io ora, come artista, con onestà. Sono semplicemente più a mio agio ora con chi sono» ha raccontato. È un disco che racchiude rabbia e gioia ed è proprio quest’ultima a trionfare al termine dei brani. C’è anche molto amore in questo disco, ma è un amore diverso perché, ad esempio, è quello per la famiglia o per il posto in cui è cresciuta.

«Questa canzone racconta dei modi in cui cerchiamo l’amore in posti dove probabilmente non dovremmo farlo e di come cercare di sentirci meno soli a volte ci far sentire ancora più isolati. Credo di essermi messa più a nudo ed essermi resa più vulnerabile in questa canzone per incoraggiare i rapporti, perché forse ci sono molte più persone che si sentono in questo modo di quello che vogliamo ammettere» dichiara l’artista mentre descrive il singolo «Hunger». Tra i dieci brani che compongono l'album, ci sono l’ode gioiosa per uno dei suoi idoli Patti Smith in «Patricia», l’inno struggente senza melodramma di «Sky Full Of Song», il ricordo di un passato disordinato in «South London Forever» e l’essenziale «Grace», nome della sorella minore di Welch, nella quale racconta di un’incidente avvenuto al suo diciottesimo compleanno.

LE DATE ITALIANE

«Più che uno show, sarà un’esperienza spirituale a cui assistere» anticipa l’artista, che tornerà in Italia per due concerti speciali. «High as hope» è solo l’inizio di un lungo viaggio che porterà Florence il 17 marzo 2019 all’Unipol Arena di Bologna e il 18 marzo al Pala Alpitour di Torino.

I biglietti saranno acquistabili per gli iscritti My Live Nation già dal 3 luglio, mentre per Ticketmaster, Ticketone e tutti i punti vendita autorizzati la prevendita inizia giovedì 5 luglio dalle ore 11:00.

LA TRACKLIST

1. June
2. Hunger
3. South London Forever
4. Big God
5. Sky Full of Song
6. Grace
7. Patricia
8. 100 Years
9. The End of Love
10. No Choir