Home MusicaDischi in uscitaGulino: l’esordio da solista con l’album “Urlo gigante”

Gulino: l’esordio da solista con l’album “Urlo gigante”

La voce dei “Marta sui tubi” pubblica il 6 marzo un disco intimo e maturo che incarna l’evoluzione coerente del percorso umano e musicale dell’artista siciliano

Foto: Gulino  - Credit: © Lorenzo Arrigoni

06 Marzo 2020 | 12:15 di Giulia Ciavarelli

«Se non scrivo canzoni mi ammalo. Ne ho bisogno, per sentirmi vivo, per essere felice» risponde Giovanni Gulino a chi chiede spiegazioni sul nuovo progetto discografico in uscita. È una domanda d’obbligo per chi esordisce da solista pur appartenendo a una band, in questo caso parliamo dei Marta sui Tubi. Infatti, l’inconfondibile voce del gruppo da ben quindici anni esce venerdì 6 marzo con Urlo gigante: «In questo album ho messo tutta la mia vita di questi ultimi anni. Per me era necessario tirare fuori tutti i pensieri e le sensazioni accumulate per lasciare spazio alle nuove emozioni che verranno da oggi in poi» racconta al pubblico sui social.

L’album (Woodworm/Universal), composto da undici inediti, è prodotto da Fabio Gargiulo e vede il featuring di Veronica Lucchesi de La Rappresentante di Lista che canta nella traccia “Lasciarsi insieme” con gli arrangiamenti degli archi assegnati a Davide Rossi (Coldplay, U2).

Per presentarlo al pubblico, il progetto discografico è stato anticipato da "Un grammo di cielo", ritratto di una storia d’amore erosa dalla costante ricerca di conferme e "Bambi", la più recente uscita scritta pensando alla figlia.

Frutto di un lavoro speleologico all’interno del proprio io, è la testimonianza artistica di un uomo che ha imparato a confrontarsi con la triplice dimensione di padre, compagno e amante. La costante scoperta di nuove emozioni e l’incessante riposizionamento nelle dinamiche familiari hanno guidato Gulino nella scrittura del suo primo album.

Nella tracklist corposa, si inserisce anche il tocco dei Marta sui Tubi irrorato da soluzioni autoriali inedite e una veste artistica calata nella contemporaneità. La novità sta proprio nel sound del disco: accompagnato nell’opera di scrittura dal compositore e pianista Andrea Manzoni, Gulino è riuscito a cesellare un suono mutevole e ricco di peculiarità, in cui l’uso dell’elettronica si innesta sulla forma canzone (pop) rock per disfarla e arricchirla. A una nuova formula sonora si aggiungono testi profondi e gravidi di suggestioni dove ogni parola viene soppesata per caricarsi di significati mai univoci.

LA TRACKLIST

Bambi
Un grammo di cielo
Fammi ridere
Albergo a ore
Parapiglia
Sto
Dormiveglia
Tra le dita
Lasciarsi insieme
Sballamore
Il tempo lo dai tu