Home MusicaDischi in uscitaLaura Pausini a Disneyland Paris: il racconto e le dichiarazioni

Laura Pausini a Disneyland Paris: il racconto e le dichiarazioni

Il 24 novembre l'artista ha presentato alla stampa internazionale il suo nuovo album «Laura XMas». Tutte le foto e i video

Foto: Laura Pausini a Disneyland Paris

25 Novembre 2016 | 00:26 di Alessandro Alicandri

Vi abbiamo già parlato a inizio novembre di «Laura XMas», il primo album di Natale di Laura Pausini. 12 canzoni, dodici classici del Natale che Laura ci ha voluto presentare il 24 novembre nella cornice speciale di Disneyland Paris. È stato un incontro speciale per più ragioni e non solo per il contesto magico nel quale abbiamo vissuto l'evento.

Laura ha incontrato una rappresentanza del suo Fan Club Ufficiale, si è esibita alla conclusione della Parata della Magia Disney durante l'accensione delle Luci Natalizie dell'albero di Natale al fianco di Topolino e Minni. La sera, il parco è rimasto aperto eccezionalmente per un gruppo ristretto per una speciale performance davanti al celebre castello della Bella addormentata nel bosco, una delle attrazioni più incredibili del parco. Ha portato in scena quattro brani estratti dall'album, accompagnata da 10 ballerini, Pluto e Topolino con riprese televisive in loco.

Uno dei motivi più speciali di questo incontro è stata la conferenza stampa, dove Laura (come sempre) ha lasciato i giornalisti con un sacco di dichiarazioni belle e interessanti che riguardano il nuovo progetto discografico ma non solo. Le abbiamo raccolte, in una selezione, qui per voi. Vi ricordiamo che andrà in onda a dicembre «Laura XMas Party», una puntata speciale natalizia del nuovo programma con Sabrina Ferilli e Maria De Filippi «House Party», in onda su Canale 5.

Il primo ascolto di «Laura XMas»: opinioni a caldo

Le dichiarazioni

«Sono tornata a Disneyland dopo un anno. Lo scorso Natale ero nel parco Disneyland di Orlando».

«È da tanti anni che volevo realizzare questo album ma non riuscivo mai a convincere la mia casa discografica. Poi sono riuscita quest'anno unendo due progetti che avevo in mente, quello di un disco swing e quello di album di canzoni di Natale».

«L'album "Laura XMas" è stato realizzato da fine febbraio fino a fine luglio, registrando per lo più dopo la tappa di Bari negli stadi».

«Ogni anno in famiglia amiamo scaricare (legalmente) un album di Natale sempre diverso. I riferimenti sono quelli classici come Ella Fitzgerald, ma l'ispirazione è certamente Michael Bublé per un discorso credo generazionale».

«Dedico questo album alle persone sole e agli anziani. Ho avuto la fortuna di passare sempre dei natali piuttosto felici. Quindi questo album lo dedico proprio a chi invece in questo momento dell'anno ha dei sentimenti diversi dalla serenità».

«A casa Pausini si fa sempre l'albero, anche se a casa mamma ha sempre fatto un presepe piuttosto rudimentale. A Natale amo vestirmi di rosso, da sempre, anche se per quel giorno preferisco abiti di marchi economici perché è quel genere di vestiti che si mettono solo un giorno dell'anno».

«A Natale la tradizione vuole i passatelli in brodo, il lesso, il pandoro (che preferisco sempre al panettone) e una giocata a tombola dove mi fanno pescare i numeri perché da piccola ogni tanto baravo».

«Da 15 anni non mi pongo più problemi sui progetti che realizzo. Ho deciso di fare musica che mi piace e perché ho bisogno di cantarla».

«Ringrazio Maria De Filippi, mi ha dato l'opportunità di portare tutto il mio album "Laura XMas" con un'orchestra e dei ballerini diretti da Giuliano Peparini in una serata speciale, si chiamerà credo "Laura XMas Special Party"».

«A Natale mi fermerò per 15 giorni, guarderò la tv e leggerò libri come fanno in molti».

«Molti non sanno che ho dei dischi nel cassetto già pronti e con tanto di copertina che non ho mai pubblicato. Rimarranno lì nel cassetto perché li ho fatti e registrati per Paola, rimarranno a lei. Come un album sullle colonne sonore del cinema realizzato 5 anni fa». 

«Ci sono voci che mi vorrebbero a Las Vegas per alcuni mesi di performance live. Non c'è mai stata una proposta seria in merito e in generale non mi piace l'idea che mia figlia, la quale tra poco andrà alle elementari, cresca in una città che secondo me non va molto bene per lei».

«L'album "Laura XMas" esce il 4 novembre perché soprattutto in Nord America il Natale è sentito molto prima rispetto a noi. Io ho scelto comunque di arrivare alla presentazione oggi, il Giorno del Ringraziamento americano, momento nel quale si entra poi ufficialmente anche da noi un po' nel vivo del Natale tra addobbi, luci e i primi acquisti per i regali».

«La Rai ha proposto a me e a Paola Cortellesi di fare la seconda edizione di "Laura e Paola", ma io non riesco a essere fisicamente in Italia e non c'è nemmeno Paola, impegnata in un film. La proposta è arrivata e mi ha fatto tanto piacere, ma se ne parlerebbe più in là»

«Alcuni dicono che sono poco in Italia. In realtà in questo periodo sono molto più in Italia di quanto non fossi nei primi sei o sette anni di carriera. Oggi posso permettermi dei "No" che prima non potevo dire. Considerate che nell'era dei social, far sapere dove sei è molto più facile. Una volta, della mia "assenza", tra molte virgolette, se ne accorgevano in pochi».

«Dopo il 10 gennaio c'è in programma un viaggio per incontrare autori in varie parte del mondo. Mi occuperò del nuovo album, ma lo farò senza un progetto ben preciso in mente: raccoglierò idee. Questo mi fa escludere una possibile partecipazione a Sanremo come conduttrice. Lo guarderò con le mie palette per i voti e il questionario per fare le mie pagelle, come faccio sempre».

«La mia opinione sul secondary ticket l'ho già espressa quando si parlava dell'assenza dei biglietti dei Coldplay. Credo che vada regolamentata a favore del pubblico. Pensate che in America il secondary ticketing è così normalizzato che gli stessi circuiti di vendita ufficiali propongono i biglietti di secondi rivenditori sui loro canali. Io ho rilanciato l'iniziativa dei biglietti nominali, si fa nel Nord Europa con un buon successo».

«Le canzoni Disney che canto di più a mia figlia? Ce ne sono alcune che piacciono più a me che a lei e che canto lo stesso. Come alcuni brani della colonna sonora de "La bella e la bestia". Stamattina a Paola cantavo la colonna sonora di "Frozen", ci sono brani di questo cartone che cantiamo anche in più lingue. Ci piacciono tanto anche i brani di "Rapunzel"».

«L'album "Laura XMas" porta nelle case delle persone messaggi positivi e di serenità. Spero di poter fare qualcosa di bello con questo disco: far sentire le persone che l'hanno acquistato o lo acquisteranno, come se fossi lì, dal vivo, a cantarle per loro».