Home MusicaDischi in uscitaLuca Carboni, che la grande festa abbia inizio

Luca Carboni, che la grande festa abbia inizio

Il cantante ci racconta il suo nuovo disco Sputnik che esce l’8 giugno

Foto: Luca Carboni. Il suo debutto solista risale al 1984

08 Giugno 2018 | 16:59 di Barbara Mosconi

È un momento di grande festa per Luca Carboni. Il suo nuovo singolo, che s’intitola proprio «Una grande festa», uscito (a sorpresa) lo scorso 27 aprile, è schizzato subito in cima alla classifica delle radio italiane. Un tipico caso di tormentone pre-estivo. Carboni ce lo spiega così: «Ognuno spera sempre nella propria grande festa, un momento di liberazione in cui sentirsi libero e in empatia con gli altri. È una canzone che gioca ironicamente con le regole del pop: per passare in radio ed essere leggeri bisogna parlare di certe cose e non di altre, come la morte, la rabbia, la protesta. È un inno all’allegria».

Musicalmente si torna all’elettro-pop a cui Carboni si è dedicato negli ultimi anni: tanti sintetizzatori e tastiere, niente chitarre. «L’elettro-pop è una situazione musicale che affonda le radici nella “new wave” dei primi Anni 80, è qualcosa che amavo e che mi appartiene». Bolognese di nascita e per scelta, 55 anni di cui due terzi trascorsi a suonare e cantare, Luca Carboni dagli Anni 80 a oggi non si è mai fermato. Dopo questo singolo, il prossimo 8 giugno pubblicherà l’album «Sputnik». Il titolo rimanda al primo satellite lanciato nello spazio dai russi nel lontano 1957: «Mi affascinava questa storia e mi piaceva la parola, che significa “compagno di viaggio”. Anche un disco, dopo tutto, è tondo come lo Sputnik e può essere un buon compagno di viaggio».

L’album contiene nove pezzi («È la misura dei vecchi vinili a cui sono rimasto affezionato» dice) e il filo che lega tutte le canzoni è l’amore («Un sentimento che permea tutti i miei dischi» spiega). A volte viene tratteggiato con ironia (come in «Amore digitale»), spruzzato con citazioni di Bukowski («Io non voglio», scritta assieme a Calcutta) e frasi della poetessa Wislawa Szymborska rintracciate qua e là: «Amo la poesia e, scrivendo, le citazioni mi vengono istintive» dice. «Prima di partire» è un altro bel pezzo ritmato, composto con il cantautore Giorgio Poi, e infine c’è il brano che dà il titolo all’album: «Una canzone sull’uomo e sul nostro bistrattato pianeta visto da lontano, come dallo Sputnik».