Home MusicaFestival di Sanremo 1986

Festival di Sanremo 1986

Eros Ramazzotti vince davanti a Renzo Arbore, terza Marcella Bella. Tra le Nuove Proposte vince Lena Biolcati

26 Gennaio 2015 | 10:51 di Antonio Mustara

Dopo due edizioni in playback, gli interpreti in gara a Sanremo tornano a cantare dal vivo su basi musicali registrate. È l’unica novità del 36° Festival, che per il resto somiglia molto ai due precedenti. I 22 Big accedono di diritto alla finale e vengono votati dal pubblico attraverso le schedine del Totip. Le 14 Nuove Proposte vengono invece dimezzate dalle giurie. Per la seconda volta nella storia di Sanremo una donna conduce il Festival: è Loretta Goggi, che cinque anni prima era arrivata seconda con «Maledetta primavera». Al suo fianco, i conduttori di «Discoring»: Anna Pettinelli (al suo secondo Sanremo), Mauro Micheloni e Sergio Mancinelli.

Che sia un’edizione al femminile lo dimostra la presenza nell’elenco dei Big di otto donne: Rettore, Loredana Berté, Anna Oxa, Marcella, Orietta Berti, Rossana Casale, Fiordaliso e Flavia Fortunato. Oltre alla Oxa che presenta «È tutto un attimo» di Umberto Smaila, ci sono altri due ex vincitori: Toto Cutugno con «Azzurra malinconia» e Sergio Endrigo con « Canzone italiana». Tornano anche Eros Ramazzotti, favorito della vigilia con Adesso tu», Zucchero con la battistiana «Canzone triste», ed Enrico Ruggeri (ex leader dei Decibel) con la raffinata «Rien ne va plus». È tutta nel segno della goliardia la presenza di Renzo Arbore, reduce da un’estate trionfale grazie al successo del varietà di seconda serata «Quelli della notte». La sua « Il clarinetto» è una canzone piena di doppi sensi che diverte il pubblico. Ricchissimo il cast degli ospiti internazionali: tra gli altri, Sting, Spandau Ballet, Depeche Mode e i Menudo, gruppo di adolescenti portoricani in cui milita il 14enne Ricky Martin.

La prima serata fa discutere per l’esibizione di Loredana Berté: la cantante, al suo primo Festival, entra in scena con un abito imbottito che simula una gravidanza. Intanto, dietro le quinte, volano parole di fuoco tra Marcella e Rettore. Nel corso della finale, le prime proiezioni del voto Totip danno in vantaggio Renzo Arbore davanti a Ramazzotti. Alla fine ha la meglio il giovane cantante romano per mezzo milione di voti (tra le Nuove Proposte vince Lena Biolcati con « Grande grande amore»). Terza Marcella Bella con « Senza un briciolo di testa», scritta dal fratello Gianni e da Mogol. Due mesi dopo, i primi due classificati e altri 13 artisti volano a Mosca per un tour a cui non prende parte l’organizzatore Gianni Ravera. Gravemente malato, morirà il 15 maggio a soli 66 anni.