Home MusicaFestival di Sanremo 2002

Festival di Sanremo 2002

Seconda vittoria in 24 anni dei Matia Bazar. Sul podio anche Alexia (2°) e Gino Paoli con « Un altro amore» (3°)

23 Gennaio 2015 | 17:28 di Antonio Mustara

Annunciato alla fine di luglio del 2001, il ri- torno di Pippo Baudo a Sanremo segna un ri- torno alla normalità dopo cinque edizioni improntate al rinnovamento. Mister Festival, richia- mato dopo la deludente edizione condotta da Raffaella Carrà, torna a essere anche il direttore artistico della rassegna. Con lui rimettono piede all’Ariston le due val- lette (la mora Manuela Arcuri e la bionda Vittoria Bel- vedere) e l’immancabile maestro Pippo Caruso. Inoltre, viene ripristinata la sigla « Perché Sanremo è Sanremo» e tornano le eliminatorie, ma solo per i Giovani. Il ritorno al passato è ben visibile anche nell’elenco dei Campioni, dove abbondano i soliti noti (Zarrillo, Fior- daliso, Leali, Pravo, Berté) che lasciano poco spazio alla nuova leva, rappresentata soltanto da Alexia e da Da- niele Silvestri. Per la prima volta partecipa tra i Campioni un prodotto uscito da un talent Mediaset: sono le Lollipop, la girlband che si è formata nel reality di Italia 1 « Popstars». Da segnalare anche il derby tra Francesco Renga (« Tracce di te») e il suo ex gruppo, i Timoria.

Baudo mantiene in vita la Giuria di qualità (ribattezzata Giuria di esperti), che però può votare solo i Giovani: ne fanno parte Claudio Cecchetto, il regista Enrico Vanzina e tre giovani conduttori televisivi: Chiara Tortorella, Victoria Cabello e Daniele Bossari. La prima serata (ospiti Fiorello, Kylie Minogue e Ala- nis Morissette) si conclude con i Matia Bazar (« Mes- saggio d’amore») in testa alla classifica provvisoria davanti ad Alexia (« Dimmi come...») e ad Enrico Ruggeri (« Primavera a Sarajevo»). Il Dopofestival torna al suo formato classico con Simona Ventura af- fiancata dal giornalista del Tg1 Francesco Giorgino e dal comico Gene Gnocchi. Nella seconda se- rata (ospiti Anna Marchesini e Anastacia) parte la gara dei Gio- vani con i primi 8 cantanti, tra i quali Giacomo Celentano, figlio di Adriano e di Claudia Mori. Le giu- rie lo bocciano mentre la sera suc- cessiva (ospiti Teo Teocoli, Michael Bolton e Shakira) pro- muovono un altro figlio d’arte, Marco Morandi, figlio di Gianni e di Laura Efrikian. La quarta serata (ospiti le Destiny’s Child e Alicia Keys) vede il trionfo tra i Giovani della 15enne Anna Tatangelo (« Doppiamente fragile») che prevale su Va- lentina Giovagnini (« Il passo silenzioso della neve»), la più votata dalla Giuria di esperti.

La serata finale (ospiti Britney Spears e i Cranberries) si conclude con la seconda vittoria in 24 anni dei Matia Bazar. In realtà, della formazione che vinse nel 1978 sono rimasti solo Piero Cassano e Giancarlo Golzi. Sul podio anche Alexia (2°) e Gino Paoli con « Un altro amore» (3°). Nelle classifiche di vendità prevarrà la cantante ligure, ma l’unico brano destinato a diventare un tormentone è « Salirò» di Daniele Silvestri, solo 14° all’Ariston.