Home MusicaFrancesco De Gregori a «Fronte del palco»: il backstage

Francesco De Gregori a «Fronte del palco»: il backstage

Le immagini dietro le quinte del concerto in onda su Italia 1 mercoledì 18 novembre a mezzanotte e 20

Foto: Francesco De Gregori a «Fronte del palco»  - Credit: © Stefano Margutti / Photomovie

18 Novembre 2015 | 11:32 di Giulia Ciavarelli

Sono le 18.15 e le prove del concerto di Francesco De Gregori sono iniziate da qualche minuto. Le note di «Generale» ci accolgono all’interno dell’Auditorium di Radio Italia dove si registra «Fronte del palco», lo show di Italia 1 condotto da Simone Annicchiarico che alterna esibizioni dal vivo e chiacchierate a ruota libera con grandi artisti italiani.

Prima del concerto De Gregori ci parla del nuovo disco «Amore e furto», il risultato della sua ammirazione profonda per Bob Dylan, che lo ha spinto a una traduzione accuratissima di 11 suoi brani. «Tra l’idea e la realizzazione del disco è passato meno di un anno» spiega il cantautore «e l’unica certezza era quella di voler rispettare le storie raccontate da Dylan. Si tratta di una riproduzione attenta ma soprattutto fedele, come quando si fanno le traduzioni di latino a scuola. Nella musica, invece, il problema è affrontare una “battaglia” fra significato, suono e metrica del testo».

De Gregori ha anche conosciuto di persona Bob Dylan: «Ci ha presentati un amico comune, è stato un saluto cordiale ma abbastanza formale, durato pochi minuti. Per me è stato più importante conoscerne il talento attraverso il repertorio musicale».

E sul concerto di «Fronte del palco» racconta: «Per la prima volta eseguo i brani di Dylan dal vivo con i miei musicisti. Si tratta di una prova generale di quella che potrebbe essere la scaletta del tour in partenza a marzo: all’inizio tutte le canzoni di Dylan, poi il mio repertorio. Il concerto è il momento in cui tocco la vera essenza del mio lavoro, tra divertimento e confronto con il pubblico».

È ora ormai di salire sul palco: «Sarà un’esperienza nuova per me e per voi. Godiamocela!».