Home MusicaIo sono Fasma, anzi sono Tiberio

Io sono Fasma, anzi sono Tiberio

La sua performance a Sanremo ha lasciato il segno nel pubblico. E il 28 febbraio lancia un nuovo album

Foto: Fasma, all’anagrafe Tiberio Fazioli. Nel 2018 ha partecipato tra i giovani al “Summer Festival” su Canale 5

27 Febbraio 2020 | 9:45 di Alessandro Alicandri

Tra le nuove proposte di Sanremo 2020, l’artista che sta facendo più rumore è Fasma, grazie ai numeri ottenuti dal suo intenso brano “Per sentirmi vivo”.

Se la canzone vi è piaciuta, allora il suo album vi conquisterà: il giovane artista romano il 28 febbraio pubblica “Io sono Fasma”, un disco in cui si racconta con grande sincerità. «Sanremo è uno dei pochi luoghi reali dove le persone hanno voglia di ascoltare nuove voci» spiega.

«Sono grato a quel palco perché mi ha aiutato a uscire allo scoperto». Nel disco ci sono tre collaborazioni: «Non sono scelte a caso, fanno parte della mia “famiglia”, il collettivo WFK» dice. «Per me la musica è soprattutto una questione di amicizia». Quasi tutti i brani di “Io sono Fasma” durano poco più di due minuti: «È da presuntuosi pensare che qualcuno voglia ascoltarmi più di così» dice «e ho l’impressione che le emozioni della vita oggi siano sempre più fugaci».

Fasma, anzi Tiberio («Vi prego, chiamatemi così!»), si esibirà il 3 aprile a Roma e il 5 a Milano.