Home MusicaMorto Kenny Rogers, leggenda della musica country

Morto Kenny Rogers, leggenda della musica country

Cantante, attore, uomo d’affari: scompare a 81 anni l’icona della cultura americana

Foto: Kenny Rogers in concerto nel 2017  - Credit: © Getty

21 Marzo 2020 | 11:12 di Lorenzo Di Palma

È morto nella notte tra il 20 e il 21 marzo, Kenny Rogers, l’esponente più famoso al mondo della musica Country, un’istituzione negli Sati Uniti. Rogers aveva 81 anni ed è deceduto per non specificate “cause naturali” nella sua abitazione di Sany Springs, in Georgia, stando alle dichiarazioni della sua famiglia - cinque figli, uno per ogni matrimonio - ai media americani e al post pubblicato dal suo staff sul profilo twitter dell'artista: “La famiglia Rogers annuncia con tristezza che Kenny Rogers è morto la notte scorsa alle 22:25 all'età di 81 anni. Rogers si è spento serenamente a casa sua per cause naturali, tra le cure mediche e circondato dall'affetto dei suoi”.

Il post ricorda anche che il cantante texano dalla barba argentata “ha lasciato un segno indelebile nella storia della musica americana”. Affermazione difficilmente contestabile: ammesso alla Country Music Hall of Fame nel 2013, premiato nello stesso anno con uno speciale Lifetime Achievement Award dalla Country Music Association, Kenny Rogers in 60 anni di carriera, chiusa con gli ultimi concerti solo nel 2017, ha scritto innumerevoli e popolarissime, (soprattutto negli Usa e un po’ meno da noi dove il Country non ha mai veramente “sfondato”) canzoni, come The Gambler, Lucille, Islands in the Stream o Lady, e venduto milioni di dischi, vincendo tre Grammys.

Kenny Rogers è stato inoltre anche attore, in numerosissime pellicole - come in The Gambler, per esempio, divenuta anche un film - e showman in tv e a Broadway, oltre che un uomo d’affari di notevole successo, proprietario anche di una catena di ristoranti in franchising chiamata Kenny Rogers Roasters.