Home MusicaNewsBeatles: la fantastica storia di Neil Aspinall

Beatles: la fantastica storia di Neil Aspinall

«L'ultimo Beatle» di Davide Verazzani racconta la vita dell'uomo che dei quattro di Liverpool fu assistente e manager. Ma, soprattutto, un amico vero

Foto: The Beatles

05 Luglio 2017 | 16:52 di Alberto Rivaroli

La sua storia accanto ai Beatles cominciò all'inizio degli Anni 60 al posto di guida di un furgone scalcagnato: era lui ad accompagnare i futuri baronetti nei locali dove avrebbero dovuto esibirsi. Nessuno all'epoca poteva immaginare che il sodalizio con la band sarebbe durato una vita...

Stiamo parlando di Neil Aspinall, una figura chiave nella storia del gruppo di Liverpool. Un personaggio schivo ma fondamentale per i Beatles di cui - dopo i già citati esordi come autista - è stato assistente personale e manager: dal 1968 al 2007 infatti è stato a capo della casa discografica Apple, ruolo che tra l'altro lo costrinse a più di una causa legale contro l'omonima industria informatica (sì, proprio quella di Steve Jobs).

Per Paul McCartney e gli altri, comunque, fu soprattutto un punto di riferimento, una delle pochissime persone di cui i «Fab Four» erano certi di potersi fidare sempre e comunque.

Oggi la storia di Aspinall (scomparso nel 2008 a 66 anni) rivive in «L'ultimo Beatle» di Davide Verazzani (Bietti, 372 pagine, 20 euro), un libro che tra cronaca e spunti romanzeschi racconta vita, scelte e intuizioni di Neil.

Verazzani, grande appassionato ed esperto dell'universo beatlesiano, conosce perfettamente il personaggio, al quale ha già dedicato una pièce teatrale che, presentata in Italia con il titolo «La versione di Neil», è stata poi tradotta in inglese e proposta come «A Life With The Beatles» al prestigioso Fringe Festival di Edinburgo e al King's Head Theatre di Londra.

Le emozioni di quello spettacolo si trasferiscono ora dal palcoscenico alle pagine del libro: aneddoti, retroscena, ricerche d'archivio e informazioni davvero di prima mano (Verazzani ha potuto contare tra l'altro sull'aiuto di Suzy Ornstein, la vedova di Aspinall) si fondono in un racconto appassionante, davvero imperdibile per chi non si è ancora stancato (né mai si stancherà) di ascoltare la storia e le canzoni di una band semplicemente inimitabile.