Francesca Michielin annuncia il progetto “FEAT (Fuori dagli spazi”)

In vista della partecipazione al Festival di Sanremo insieme a Fedez, l'artista pubblicherà il 5 marzo una nuova versione dell'ultimo disco "Feat (Stato di natura)"

Francesca Michielin  Credit: © Roberto Graziano Moro
8 Febbraio 2021 alle 16:24

«Il titolo di questo progetto è un augurio per il 2021, quello di uscire letteralmente fuori dagli spazi e abbracciarci presto» scrive Francesca Michielin, tra le protagoniste del Festival di Sanremo 2021, per annunciare l'uscita di un nuovo capitolo discografico per Sony Music. "FEAT (Fuori dagli spazi)" rappresenta l'evoluzione dell'ultimo lavoro dell'artista pubblicato a marzo 2020 e sarà disponibile il 5 marzo in tutti gli store e le piattaforme digitali. L'album sarà disponibile in tre diversi formati: cd, doppio vinile e doppio vinile autografato.

Francesca Michielin e Fedez a Sanremo 2021 con “Chiamami per nome”: «Una canzone potente»

Il progetto collettivo "FEAT" si arricchisce per raccontare la bellezza dell’incontro, attraverso l’unione di artisti e amici di generi diversi: da Carl Brave, Charlie Charles, Coma_Cose a Elisa e Dardust, Fabri Fibra, Gemitaiz, Giorgio Poi, Måneskin, Max Gazzè, Takagi & Ketra con Fred De Palma e Shiva. Ai colleghi già presenti nel precedente album, troviamo il recente duetto con Vasco Brondi in "Cattive stelle" e "Chiamami per nome" con Fedez.

«Da piccola non ho mai colorato dentro agli spazi. Usavo pennarelli di qualsiasi sfumatura, anche quelli che stavano finendo, perché davano un’idea “vissuta” all’insieme. A undici anni ho iniziato a disegnare manga, e un po’ anche a sentirmi un manga, precisamente una ninja, era per me un modo per affrontare la realtà che spesso mi sembrava difficilissima. La forza me l’hanno data sempre la fantasia e gli incontri, incontri di persone diversissime da me» racconta Francesca.

«Mi hanno ispirata a cercare dentro di me punti di contatto ma anche di scontro. Perché la diversità è sorpresa, è ricchezza, è confronto. E la diversità accende, appunto, la fantasia. Volevo celebrare la collettività, che è eterogenea per definizione, una collettività “fuori dagli spazi”, perché ora che la musica sta riprendendo lentamente i suoi spazi sonori, questo titolo di unioni, di feat, vuole essere un augurio a uscire dalla comfort zone, dai muri di casa, a ritrovarci e abbracciarci presto» aggiunge.

Contribuisce all'operazione di sconfinamento degli spazi anche la cover del disco, realizzata da Corrado “Mecna” Grilli, che unisce tutti gli artisti coinvolti nel progetto sotto un unico stile grafico.

Seguici