Home MusicaNewsLocus 2016: un festival d’avanguardia

Locus 2016: un festival d’avanguardia

Nella XII edizione ci saranno iniziative musicali che vanno oltre i confini sensoriali, spaziali e temporali

Foto: Submotion Orchestra Dan Medhurst  - Credit: © parole e dintorni

15 Luglio 2016 | 21:59 di Angelo De Marinis

Sabato 16 luglio partirà la XII edizione del Locus Festival che fonde magia del territorio con un'offerta musicale e culturale internazionale. Organizzato da Bass Culture e da Turné in collaborazione con il Comune di Locorotondo offrirà un panorama ampio di generi musicali fino al 7 agosto.

Una serie di iniziative fondono assieme arte, suono e pensiero per tracciare una visione sul futuro della musica e vivere esperienze non convenzionali.

La serata inaugurale prevede: un reading di Sergio Rubini; il concerto del prodigio inglese Jacob Collier e l'accensione delle installazioni artistiche ?Untaggable Stories?, un progetto site specific creato da Felice Limosani, un artista crossmediale.

Quest'anno il Locus festival guarda oltre i confini sensoriali, spaziali e temporali. Lo spazio è il tema della dodicesima edizione, che si sviluppa attraverso percorsi musicali avventurosi, l'arte e il design d'avanguardia, fra grandi performance e installazioni di luce in uno dei borghi più belli d'Italia: Locorotondo, nel cuore della Valle d'Itria, magico angolo di Puglia.

Ci saranno artisti come Dj Premier & The Badder, Snarky Puppy, Andreya Triana, Jordan Rakei, Submotion Orchestra e tanti altri che rispecchieranno le tendenze più evolute e attuali della musica mondiale di quest'anno in ambito soul, jazz, black ed elettronico.

Il programma si svolgerà attraverso cinque weekend ed è focalizzato essenzialmente in due scene musicali: New York e Regno Unito, oggi più che mai straordinariamente vitali e innovative.