Home MusicaNewsVasco Day, 11 settembre a Venezia

Vasco Day, 11 settembre a Venezia

Ecco i 10 punti de "Il Decalogo di Vasco": un viaggio reale e immaginario che conterrà anche il video di "Quante volte"

10 Settembre 2015 | 11:02 di Valentina Cesarini

Il Decalogo di Vasco è un immaginario - ma anche reale - viaggio di due amici (Gianluca della Valle e Fabio Masi) con la sagoma di Vasco Rossi. Tra il reale e la fantasia, il film “su” e “con” Vasco Rossi è suddiviso in 10 capitoli on the road con sorpresa finale: estratto dal film, il video di “Quante volte”, l’intensa e profonda ballad dell’album Sono Innocente.
Il brano sarà ‘on air’, nelle radio, e in tutte le piattaforme digitali, in contemporanea con l’evento a Venezia.

Il cuore del film batte nel decimo capitolo, quando tutti gli elementi sparsi emblematicamente qua e là si ricongiungono e confluiscono nel minimalismo del video “Quante volte”. Non è più la sagoma ma Vasco in persona che si presta al gioco e sperimenta mettendoci la sua faccia. La potenza nella mimica del volto, un primissimo piano che racconta, resiste e cede alle “mani-polazioni” della vita.
Vasco sbarca in Laguna venerdì: dopo la sfilata sul tappeto rosso, sarà protagonista, alle 21, dell’Incontro Cinema in Giardino, in Sala Darsena, per la proiezione in anteprima del Decalogo (i 2800 biglietti disponibili per le due proiezioni si sono esauriti nel giro di neanche un’ora). A Venezia il rocker chiude una trionfale estate di concerti (14 date e doppi stadi per 600.000 fan) e riparte con “Quante volte”. Venerdì 11 settembre è Vasco day.

IL DECALOGO DI VASCO

Lungo 10 brevi e sostanziosi capitoli, della durata di un’ora di racconto e montaggio fuori dagli schemi. Tocca sì, temi esistenziali, colpisce anche duro ma, segno inequivocabile del Blob-autore doc, lo fa con leggerezza. Con ironia. E poesia. Il film documentario "su" e "con" la Rock Star Vasco Rossi - attore a sua insaputa - con Gianluca Della Valle e Fabio Masi silenti compagni di viaggio della sagoma di Vasco.
Il film realizzato interamente con riprese originali e arricchito con le musiche tratte dall'album "L'altra metà del Cielo" (2012, balletto del Teatro Alla Scala) e arrangiate in versione classica dal M.ro Celso Valli. Dieci capitoli che già nei titoli enigmatici denotano auto ironia, tratto che accomuna Fabio Masi a Vasco Rossi:

1. “Preludio”
Dal suggestivo set naturale della diga di Ridracoli, le parole di Vasco colpiscono per la loro autenticità. Racconto dell'inizio di carriera, riflessioni nella sua mente che risuonano tra le mura e le acque immobili del luogo.

2. "Retrofronte del palco"
Dal retropalco dello stadio Olimpico di Roma nel Live Kom 2014, la band e le riunioni in camerino, la lettura di scaletta, il buio prima della luce dello show.

3. "Vascologia"
“Lezione/Laboratorio” intimamente tenuta a Bologna dove Vasco racconta una e più storie legate alla nascita e crescita delle canzoni, incontro-show privo di barriere tra lui e i suoi fans.

4. "Niente di vero"
Versione "tragi-comica" del rapporto con la stampa e i media.

5. "Profondo Rossi"
In auto, gli incubi nelle visioni della sagoma.

6. "Metodo Parazza"
Momento intimo di Vasco, solo con se stesso (ed il regista) allena il fisico e la mente per il nuovo tour, viaggio interiore prima del salto...

7. "InKurtZioni"
Look e voce del "Colonnello Kurtz" in "Apocalypse Now", a sessant'anni dal film "Fronte del Porto" e a venticinque anni dal disco "Fronte del Palco", il Komandante interpreta il monologo interiore del Colonnello Kurtz tra la luce e il buio della coscienza.

8. "Cartone Animato"
I tre insoliti compagni di viaggio giungono allo stadio di Bari prima del concerto, la Sagoma di Vasco tra i fans, inconsapevoli della sua imminente “trasformazione”, arriva in camerino e...

9. "Essere Vasco"
Il concerto come non lo avete mai visto.

10. "Il Decalogo di Vasco" ritratto inedito e minimalista di Vasco Rossi, nasconde nel capitolo finale il video del brano “Quante volte”, nuovo singolo in radio da venerdì 11 settembre.
Il film è godibile come un concerto, non a caso la canzone voluta per i titoli di coda è Albachiara, quella che chiude tutti i concerti, (nessuno si muove finché non la canta...). Qui però nella versione “classica”, arrangiata dal M.ro Celso Valli per l’album L’altra metà del cielo (il balletto su musiche di Vasco messo in scena dal Teatro alla Scala di Milano, 2012). Dallo stesso album è tratta tutta la colonna sonora del Decalogo, una precisa scelta stilistica di Fabio Masi a sottolineare ogni momento esaltandone le più svariate emozioni, da quelle malinconiche a quelle più forti o ironicamente drammatiche.
Il Decalogo di Vasco andrà in onda su RaiTre il 20 settembre.