Home Musica#PartyLikeADeejay, la festa per i 35 anni di Radio Deejay

#PartyLikeADeejay, la festa per i 35 anni di Radio Deejay

Il primo febbraio 2017, Radio Deejay ha compiuto 35 anni e li ha festeggiati con #PartyLikeADeejay, una grande festa per 13.000 persone al PalaAlpitour di Torino

02 Febbraio 2017 | 18:00 di Stefano Gradi

Il primo febbraio 2017, Radio Deejay ha compiuto 35 anni e li ha festeggiati con #PartyLikeADeejay al PalaAlpitour di Torino. 13mila ascoltatori hanno partecipato alla festa che ha ripercorso la storia in musica di Radio Deejay con tutti i disc jockey e gli amici della radio. Un grande spettacolo pensato e dedicato agli ascoltatori e fan di Deejay. L'apertura è toccata a Luciana Littizzetto, padrona di casa che ha introdotto il direttore Linus, tornato dietro a una console per un mix di canzoni "serie" degli anni '80. A mostrare, però, come siano stati veramente quegli anni in termini di musica dance, è stato Nicola Savino che ha iniziato a far ballare tutto il palazzetto. Fabio Volo ha invece scelto 5 brani italiani come simbolo di quel periodo, prima di lasciare spazio allo spettacolare arrivo dei re degli anni '90, ovvero i ragazzi del Deejay Time: Albertino, Fargetta, Molella e Prezioso.

Per l'occasione, abbiamo rivisto su un palco anche gli Eiffel 65 con la loro mega hit «Blue» che ha poi passato il testimone ad Alessandro Cattelan e agli anni 2000. Via via si sono susseguiti sul palco gli altri personaggi di Radio Deejay, a cominciare dal team di Pinocchio, ma anche da Federico Russo (assieme a Francesco Mandelli), Fabio Caressa, Nikki e Vic, fino ad arrivare alla conclusione con il Trio Medusa. Sul palco si sono esibiti anche i Thegiornalisti e i Clean Bandit con le loro hit «Completamente» e «Rockabye».

Una festa dedicata ai fan, tutti entusiasti di festeggiare un'importante ricorrenza, il 35° compleanno di quella che per molti è un po' come una famiglia, una compagna di vita da tanti tanti anni. E, come ha dichiarato Linus: «Sono felice al confine con il commosso e quello che mi rende più orgoglioso è stato aver riempito un palazzetto solo con la nostra credibilità, senza spendere nomi di artisti di nessun genere. Come avrebbe detto il Barone Frankenstein, si può fare. Basta essere Radio Deejay». Nel video in apertura potete rivivere un riassunto della festa visto dalle tribune, mentre qui sotto potete rivedere il video completo della diretta Facebook che ha totalizzato oltre un milione di visualizzazioni.