Home MusicaInaugurato a Milano un ristorante museo dedicato a Pavarotti

Inaugurato a Milano un ristorante museo dedicato a Pavarotti

In occasione di Expo ha aperto in piazza Duomo un locale dove gustare specialità emiliane e ricordare il celebre tenore: «Il cibo era una sua passione» ha spiegato Nicoletta Mantovani

Foto: La moglie di Luciano Pavarotti all'inaugurazione del museo ristorante a lui dedicato

12 Giugno 2015 | 10:59 di Solange Savagnone

In occasione di Expo è nato un risto-museo-temporaneo con vista sul Duomo tutto dedicato al grande tenore italiano. Il “Pavarotti Milano Restauran Museum” (Piazza Duomo, 21), inaugurato giovedì 11 giugno, è stato voluto da Nicoletta Mantovani per rendere omaggio al marito, scomparso nel 2007, e a una delle sue più grandi passioni: «Luciano amava molto il cibo ed era un ottimo cuoco. Adorava la pasta, in particolare quella ripiena, come i tortellini, e le tagliatelle al ragù. Lui, che era così conviviale e accogliente, sarebbe felice di questo luogo alla portata di tutti».

E poi quale occasione migliore di Expo per fare conoscere i prodotti tipici emiliani al resto del mondo? «Abbiamo voluto investire su Expo per avere un punto a Milano per parlare di Modena, la sua città, e farla conoscere anche agli stranieri» ha spiegato Nicoletta. La struttura resterà aperta fino al 31 ottobre 20115, quando calerà il sipario anche sull’Esposizione Universale. «Dopo quella data, si vedrà» ha detto però la Mantovani.

Lo spazio è di circa 600 mq, ha sette sale di diverse dimensioni, incluso un piccolo auditorium dove ascoltare giovani cantanti lirici, uno store e un bar. Il ristorante offre specialità emiliane a un prezzo accessibile (antipasto di salumi, un primo e un bicchiere di vino: 15 euro).

Ma la caratteristica unica di questo luogo, accogliente e tranquillo come una casa d’altri tempi, con mattoni e travi a vista, è l’atmosfera che si respira. In ogni stanza c’è un ricordo, un oggetto, un’opera, una fotografia, una scritta dedicata a Pavarotti. Se lo avete amato, in questo posto a un passo dalla Scala, troverete una parte di lui. E del suo sorriso.