Home MusicaRed e Chiara Canzian e il loro libro «Sano vegano italiano»

Red e Chiara Canzian e il loro libro «Sano vegano italiano»

Red dei Pooh e la figlia Chiara in libreria con «Sano vegano italiano»: siamo andati alla presentazione per scoprire di che si tratta

21 Marzo 2017 | 11:15 di Claudia Ricifari

Nell'ormai sempre più frequente diatriba tra vegani e onnivori, c'è chi prova a mettere un po' di pace. O, come preferisce dire lui: «costruire un ponte tra chi è vegano e chi non lo è». Parliamo di Red Canzian, musicista e compositore dei Pooh, che lo scorso anno, tra una tappa e l'altra del tour «Reunion» che celebrava i 50 anni della band, ha trovato anche il tempo di scrivere un libro assieme a sua figlia Chiara, «Sano vegano italiano», edito da Rizzoli.

Lo abbiamo incontrato durante una delle sue presentazioni, nell'Antica Trattoria Monluè di Milano, per farci raccontare il suo nuovo progetto: «In questo libro cerco di spiegare perché, secondo me, si dovrebbe preferire l'alimentazione vegana - ci spiega -. Lo si fa per amore degli animali, della propria salute e di quella del pianeta. Non mi piaceva l'approccio delle due parti, i vegani troppo integralisti e gli onnivori spesso sprezzanti. E quindi ho cercato di mettere chiarezza e soprattutto di scrivere un libro gentile».

«Sano vegano italiano» si rivolge quindi principalmente ai non vegani. Per questo le presentazioni sono organizzate in ristoranti non veg in giro per l'Italia, «perché è qui che dobbiamo fare proseliti. Se la sera, quando le persone tornano a casa, prima di dormire si fermano anche solo un minuto a riflettere su quello che hanno visto, sentito e assaggiato, io sono contento». 

Vegetariano prima, e poi totalmente vegano dal 2009, Red racconta la sua scelta che, sostiene, gli ha salvato la vita: «Due anni fa sono stato operato al cuore per una dissecazione aortica, mi avevano aperto lo sterno e dopo 50 giorni ho fatto il primo concerto, i medici erano increduli. Potevo anche non svegliarmi da quell'operazione. Se mi sono salvato e non sono morto nel giro di un'ora è perché le mie vene erano talmente pulite che hanno assorbito l'onda d'urto della dissecazione, dandomi più tempo per intervenire».

L'ex Pooh non si sofferma solo a riportare la sua esperienza, ma accompagna il lettore in un percorso alla scoperta di un nuovo modo di vivere, più rispettoso dell'ambiente e della sua salute, avvalendosi di dati e informazioni precise e reali. «Io sono un bassista, non avrei credibilità, ho preso riferimenti più accreditati di me, come il Dott. Veronesi».

Ma non solo. Quello che Red vuole far comprendere è che è possibile cambiare alimentazione, iniziare un percorso in cui si rinuncia alla carne e ai prodotti di origine animale, ma non al gusto. Il suo piatto preferito? Pasta e fagioli col radicchio, ma anche il purè di fave con le cicorie, la ribollita e la pappa al pomodoro.

Ed è qui che entra in gioco Chiara, figlia di Red, un amore viscerale per la musica, come il papà, e soprattutto per la cucina. La seconda parte del libro, infatti, è dedicata alle sue ricette, 40 stagionali e 10 dedicate esclusivamente ai dolci, elaborate dopo aver fatto esperienza in ristoranti di vario tipo, tra cui quello dello Chef Pietro Leemann, il primo a ottenere una stella per un ristorante vegetariano.

Le ricette di Chiara