Home MusicaSanremoDiodato e Roy Paci a Sanremo 2018: «Non ci interessa la notorietà, vogliamo solo raccontare la vita»

Diodato e Roy Paci a Sanremo 2018: «Non ci interessa la notorietà, vogliamo solo raccontare la vita»

Il duo presenta al Festival di Sanremo 2018 il brano «Adesso». La storia, le curiosità e la video intervista

Foto: Diodato e Roy Paci  - Credit: © Pigi Cipelli

30 Gennaio 2018 | 17:35 di Redazione Sorrisi

«Sul palco di Sanremo festeggeremo il nostro matrimonio musical», così Diodato e Roy Paci scherzano sulla partecipazione insieme al Festival di Sanremo 2018. Il duo porterà sul palco dell'Ariston la canzone «Adesso» definita da Diodato «una sorta di critica, anche a me stesso». Roy Paci ha curato gli arrangiameni del pezzo.

• Il testo di «Adesso» di Diodato e Roy Paci

Diodato esordisce nell’aprile 2013 con l’album «E forse sono pazzo», al quale segue nel febbraio 2014 la partecipazione al 64esimo Festival di Sanremo nella categoria Nuove proposte con la canzone «Babilonia». A novembre del 2017 esce il nuovo singolo, «Cretino che sei», brano che segna una svolta stilistica dell’artista. Roy Paci è trombettista, compositore, arrangiatore e cantante, comincia a suonare il pianoforte da piccolissimo per approdare alla tromba all’età di nove anni, quando si unisce alla banda del suo paese. Al momento Roy Paci è coinvolto in progetti musicali, editoriali, cinematografici e televisivi. Sostiene inoltre varie iniziative benefiche, come le campagne di Amnesty International e Pangea contro la violenza sulle donne, il progetto Emergency per l’assistenza medica ai civili nelle zone di guerra e la superband Rezophonic, che supporta AMREF nella costruzione di pozzi d’acqua per le popolazioni della regione del Kajiado, in Kenya.

• Tutto sul Festival di Sanremo 2018: le canzoni, i cantanti, i presentatori e gli ospiti

Diodato e Roy Paci a Sanremo

Questa è la storia di due amici per la pelle. Antonio Diodato ha partecipato a Sanremo nel 2014  tra le Nuove proposte, classificandosi secondo con «Babilonia». Per Roy Paci invece è un esordio assoluto in gara, anche se è stato direttore d’orchestra per Fabrizio Biggio e Francesco Mandelli nel 2015. Da cinque anni, Roy e Antonio sono inseparabili. «So di essere il meno conosciuto qui dentro» dice Diodato «quindi spero di aver portato un brano all’altezza di questa edizione». «Fa il modesto, ma è un artista di riconosciuta eccezionalità» spiega Roy Paci.

Noto a molti telespettatori per la partecipazione a «Zelig», è uno dei più acclamati trombettisti italiani. «Antonio si è presentato da me in studio convinto che “Adesso” potesse migliorare con la presenza importante dei fiati» racconta. «Così ho accettato la sfida, dando il mio contributo a questo “mantra musicale” che parla in modo autentico di vita». Nessuno dei due pubblicherà un album in occasione del Festival. Troverete però nei negozi un vinile con il brano inciso in due versioni. «Non cerchiamo notorietà, ma il successo sì» ammette Roy Paci. «Ci stiamo preparando perché su quel palco succeda qualcosa di speciale»

Venerdì 9 febbraio duetteranno con Ghemon.

La curiosità

Roy Paci nel 2011 è stato giudice del talent di Raidue «Star Academy» al fianco di... Ornella Vanoni. Che anche Diodato adora: nel 2014 ha inciso una cover di «Eternità», brano presentato dalla Vanoni (con i Camaleonti) a Sanremo 1970.