Elio e le storie tese: «I nostri sette andarelli»

La band si prepara al gran debutto della seconda serata del Festival

Foto: Elio e le Storie Tese

09 Febbraio 2016 | 11:42 di Antonella Silvestri

«Quando ho ricevuto la proposta dalla Rai di condurre il ?siparietto? all'interno della sala stampa dell'Ariston, come è avvenuto lo scorso anno, ho accettato volentieri. Mi sembravo una cerbiatta impazzita di gioia. E quindi non è vero che sono uscito perché volevo scappare da Elio e Morgan intenti sempre a litigare...» ha dichiarato Rocco Tanica all'apertura della conferenza stampa degli Elio e le Storie Tese.

«Ribadiamo un concetto: vogliamo essere eliminati e ripescati dal pubblico. Solo così possiamo vivere intensamente questa straordinaria esperienza» ha dichiarato Elio. «La nostra canzone al Festival? Andarelli che non ritornano mai» ironizza Davide ?Cesareo? Civaschi. « Il titolo ?Vincere l'odio? sintetizza una carriera. Insomma, abbasso l'odio, viva l'amore. Noi siamo sperimentatori» ha sottolineato Elio a chiusura dell'incontro con i giornalisti: «La cosa più curiosa? Ho scoperto ieri che il patrono di Sanremo è San Romolo».