Home MusicaSanremoElio e le Storie Tese a Sanremo 2018: «Com’è divertente dirsi addio»

Elio e le Storie Tese a Sanremo 2018: «Com’è divertente dirsi addio»

La band presenta al Festival di Sanremo 2018 il brano «Arrivedorci». La storia, le curiosità e la video intervista

30 Gennaio 2018 | 17:35

Elio e le Storie Tese a Sanremo 2018: «Com’è divertente dirsi addio»

La band presenta al Festival di Sanremo 2018 il brano «Arrivedorci». La storia, le curiosità e la video intervista

 di Redazione Sorrisi

Foto: Elio E Le Storie Tese  - Credit: © Pigi Cipelli

30 Gennaio 2018 | 17:35 di Redazione Sorrisi

Dopo aver terrorizzato i fan con l'annuncio dell'addio alle scene a fine dicembre 2017, Elio e le Storie Tese tornano a esibirsi, questa volta sul palco dell'Ariston in occasione di Sanremo 2018. La canzone porta il titolo «Arrivedorci» che, come spiega la band, è ispirato al film di Stnalio e Ollio «Tempo di pic-nic».

• Il testo di «Arrivedorci» di Elio e le Storie Tese

A novembre del 2017, al Teatro Nuovo ha debuttato «Spamalot», la versione tutta italiana di Elio e le Storie Tese del musical di grande successo portato per la prima volta in scena a Broadway nel 2005, vincitore di tre Tony Awards. A dirigere lo spettacolo è Claudio Insegno, che ha già portato in scena «Jersey Boys» e «La febbre del sabato sera».

• Tutto sul Festival di Sanremo 2018: le canzoni, i cantanti, i presentatori e gli ospiti

Gli Elio E Le Storie Tese e Sanremo

Alla loro quarta partecipazione alla kermesse («Si pronuncia chermèsse, con la “e” finale» ci tiene a precisare Elio) hanno un sogno: arrivare ultimi. Dopo il secondo posto nel 1996 con «La terra dei cachi», il premio della critica per «La canzone mononota» nel 2013 e la 12a posizione con «Vincere l’odio» nel 2016. «Ci stiamo avvicinando all’obiettivo» scherzano gli «Elii» in coro.

Sul palco dell’Ariston finora sono sempre saliti con celebri travestimenti: conciati da Rockets, da pupazzoni obesi, in versione afro, metal come i Kiss... «Per quest’anno si hanno aspettative altissime» nota Faso. «Ma noi siamo ometti, ormai. Siamo gli ometti degli abiti (ride)». Il brano «Arrivedorci» è un ulteriore saluto dopo il concerto di addio dello scorso 19 dicembre al Forum di Assago (MI). E anticipa un album omonimo inciso dal vivo (in uscita il 9 febbraio) e il Tour d’addio che terminerà il 30 giugno 2018, a cui seguirà poi lo scioglimento (definitivo?) della band milanese. «La canzone racconta la fine di una bella storia. Ci siamo ispirati a “Tempo di pic-nic”, un cortometraggio di Stanlio e Ollio del 1929» svela Elio. «Quello in cui salgono in macchina, salutano più volte, ma non riescono mai a partire. Gli addii sono così: faticosi. Ed è una metafora della nostra vita».

Venerdì 9 febbraio duetteranno con i Neri Per Caso.

La curiosità

Gli «Elii» hanno il pallino delle foto-ricordo con i cantanti all’Ariston. «In oltre 30 anni di carriera, non siamo ancora riusciti a farle con tutti» raccontano. «Perché prima dobbiamo accontentare le signore, le agguerrite “vecchiette” che ci chiedono di farsi un selfie dopo la performance».