Home MusicaSanremoElodie a Sanremo 2020: «Sono testarda e fragile come in una leggenda greca »

Elodie a Sanremo 2020: «Sono testarda e fragile come in una leggenda greca »

Tornare al Festival per la seconda volta. «Sono “feliciona”» dice Elodie per misurare la sua gioia

01 Febbraio 2020 | 9:07 di Redazione Sorrisi

• Tutto su Sanremo 2020

Tornare al Festival per la seconda volta. «Sono “feliciona”» dice Elodie per misurare la sua gioia. La cantante romana era stata in gara nel 2017 con “Tutta colpa mia” e quest’anno porta "Andromeda", un pezzo firmato da Mahmood (all’anagrafe Alessandro Mahmoud), vincitore di Sanremo 2019, e Dardust (il produttore Dario Faini), con cui ha già realizzato la hit “Nero Bali” cantata con Michele Bravi e Gué Pequeno.

«Alessandro e Dario sono amici che mi conoscono bene. Insieme usciamo a fare passeggiate, andiamo al cinema» spiega la cantante. «Hanno scritto questo brano come un vestito su misura per me. Racconta il modo in cui affronto le cose: con la mia faccia tosta, ma anche con le mie fragilità e le catene che ho dentro, come quelle che legano alla roccia l’Andromeda del mito greco». Per lei, seconda ad “Amici” nel 2016, è arrivato il momento della consapevolezza: il 31 gennaio pubblica la versione digitale del nuovo album “This is Elodie”, disponibile poi anche in cd dal 7 febbraio. «Ne sono orgogliosa» dice l’artista. «Perché più che un disco è quello che sono adesso».

• “Andromeda”: spiegazione e significato

La curiosità
Elodie ci ha confidato che il momento preciso in cui ha capito di voler fare la cantante è stato quando ha sentito Noemi la prima volta a Sanremo.