Home MusicaSanremoErmal Meta e Fabrizio Moro a Sanremo 2018: «Rispondiamo a chi predica il terrore»

Ermal Meta e Fabrizio Moro a Sanremo 2018: «Rispondiamo a chi predica il terrore»

I cantautori presentano al Festival di Sanremo 2018 il brano «Non mi avete fatto niente». La storia, le curiosità e la video intervista

Foto: Ermal Meta e Fabrizio Moro  - Credit: © Pigi Cipelli

30 Gennaio 2018 | 14:30 di Redazione Sorrisi

È la reazione al terrorismo il tema del brano di Ermal Meta e Fabrizio Moro, ben sintetizzata dal titolo «Non mi avete fatto niente», che i due interpreteranno insieme a Sanremo 2018. Si parte citando i luoghi dei più noti attentati degli ultimi anni e si procede con un testo pacifista contro ogni guerra, un inno alla vita che non viene interrotta dalle pretese della violenza. Nonostante il tema molto forte, il brano è musicalmente ritmato, dal retrogusto quasi folk, ed estremamente immediato.

? Il testo di «Non mi avete fatto niente» di Ermal Meta e Fabrizio Moro

Entrambi gli artisti hanno un legame con il Festival della Canzone Italiana: per Ermal Meta il debutto è stato nel 2006 con la band «Fame di Camilla» e il cantante ricorda di essere sentito "impanicato". Per Moro invece la prima volta risale al 2000, anno in cui «andò tutto a scatafascio: mi venne strappato il contratto un mese dopo». I due si sono conosciuti l'anno scorso proprio in occasione del Festival e, diventati amici, hanno deciso di affrontare l'esperienza insieme.

? Tutto sul Festival di Sanremo 2018: le canzoni, i cantanti, i presentatori e gli ospiti

Ermal Meta e Fabrizio Moro a Sanremo

Lo scorso anno, sulla copertina di Sorrisi dedicata a Sanremo, erano casualmente uno accanto all'altro. Oggi Ermal Meta (alla sua quinta partecipazione, la terza da solista) e Fabrizio Moro (alla sesta) si uniscono in duetto per affrontare un tema di bruciante attualità: «Non mi avete fatto niente» è la reazione di due artisti al sentimento di paura generato dal terrorismo. «Mi è venuta l'idea poche settimane dopo l'attentato di Manchester all'uscita dal concerto di Ariana Grande» spiega Fabrizio Moro. «Ho chiamato Ermal per provare a scrivere questo brano, senza pensare a Sanremo». Conferma Ermal: «La sua idea mi è piaciuta perché anche di fronte ai drammi della guerra e del terrore possiamo trasformare la paura in forza. È quello che ho fatto nella mia vita e che ho raccontato l'anno scorso in ?Vietato morire?».

Il 9 febbraio Fabrizio Moro pubblicherà la raccolta con inediti «Parole, rumori e anni - Parte 1», mentre Ermal Meta lo stesso giorno presenterà il nuovo album di inediti «Non abbiamo armi».

Venerdì 9 febbraio duetteranno con Simone Cristicchi.

La curiosità

Il 2018 sarà un anno di svolta per la loro carriera dal vivo: il 28 aprile Meta suonerà per la prima volta al Forum di Assago (MI), mentre Moro il 16 giugno si esibirà allo Stadio Olimpico di Roma.