Home MusicaSanremoGiovanni Caccamo a Sanremo 2018: «Credo che una relazione possa durare per sempre»

Giovanni Caccamo a Sanremo 2018: «Credo che una relazione possa durare per sempre»

Il cantante presenta al Festival di Sanremo 2018 il brano «Eterno». La storia, le curiosità e la video intervista

30 Gennaio 2018 | 17:15

Giovanni Caccamo a Sanremo 2018: «Credo che una relazione possa durare per sempre»

Il cantante presenta al Festival di Sanremo 2018 il brano «Eterno». La storia, le curiosità e la video intervista

 di Redazione Sorrisi

Foto: Giovanni Caccamo  - Credit: © Pigi Cipelli

30 Gennaio 2018 | 17:15 di Redazione Sorrisi

«Lo scrigno della mia anima, otto tracce di luce, amore e bellezza. La sintesi di ciò che sono». Giovanni Caccamo racconta così «Eterno», terzo album della sua carriera dopo «Qui per te» e «Non siamo soli», e omonimo della canzone che porterà a Sanremo 2018. Il cantautore è diventato noto al grande pubblico grazie alla vittoria tra le nuove proposte del Festival di Sanremo 2015 con il brano «Ritornerò da te» e alla conquista del terzo posto al Festival di Sanremo 2016 nella categoria Big con il brano «Via da qui», cantato insieme a Deborah Iurato.

• Il testo di «Eterno» di Giovanni Caccamo

• Tutto sul Festival di Sanremo 2018: le canzoni, i cantanti, i presentatori e gli ospiti

Giovanni Caccamo a Sanremo

«Lo sapete perché mi sono fatto crescere la barba?». Impossibile non notare il nuovo look di Giovanni Caccamo, che torna a Sanremo due anni dopo il terzo posto conquistato in coppia con Deborah Iurato. «Sono stato chiuso in casa per mesi a scrivere il mio nuovo album, dimenticandomi della mia immagine: pensavo solo a guardare dentro di me. Alla fine mi sono visto allo specchio e mi sono detto: “Quasi quasi la barba me la tengo, come testimonianza di questa clausura”».

L’album in questione uscirà il 9 febbraio e si intitolerà «Eterno», proprio come la canzone che porta a Sanremo. «È un disco pieno di strumenti, registrato come una volta: gli arrangiamenti li abbiamo fatti agli Abbey Road Studios di Londra con la London Session Orchestra. La realizzazione di un sogno».

Anche nel brano in gara l’orchestra è in primo piano: «Sono un romanticone» ammette Caccamo ridendo. «Ma in un momento storico in cui le relazioni mi sembrano sempre più fugaci e frazionate, ho voluto cantare di un amore eterno. È qualcosa che può ancora esistere, anche se costa fatica: io ci credo, anche perché mi sono ispirato a quello che mi sta accadendo nella vita».

Per Caccamo, che nel 2015 vinse tra le Nuove proposte con «Ritornerò da te» e oggi è il più giovane dei Campioni, Sanremo è un luogo magico e insostituibile: «Segnò la fine di anni di attese, silenzi e indifferenza: quando tre anni fa dissero il mio nome sul palco capii che tutto ciò per cui avevo lottato duramente aveva un senso».

Venerdì 9 febbraio duetterà con Arisa.

La curiosità

Da novembre Caccamo è nel cast di «Amici» nel ruolo di tutor dei ragazzi: «È una scoperta continua di stimoli» racconta. «Quegli occhi che brillano mi ricordano i miei di quando ho iniziato».