Sanremo 2021

Max Gazzè a Sanremo 2021 con “Il farmacista” per «Uscire dalla pesantezza con un po’ di leggerezza e ironia»


Il nuovo anno è appena cominciato, ma già si sente nell'aria l'atmosfera sanremese. La 71° edizione del Festival di Sanremo, che si svolgerà dal 2 al 6 marzo, è in arrivo con ben 26 artisti in gara e molte novità. Quest'anno la direzione artistica ha avuto un occhio di riguardo per i volti della nuova generazione della musica italiana, ma non potevano mancare i grandi nomi che hanno reso speciale la nostra canzone pop. Tra questi troviamo Max Gazzé che, con la Trifluoperazina Monstery Band, porterà sul palco dell'Ariston il brano "Il farmacista"

• Tutto su Sanremo 2021: cantanti, ospiti, conduttrici, programma e serate

Al festival arriva con «La voglia di fare qualcosa in un momento in cui tutti sappiamo quello che stiamo vivendo», ci ha raccontato nel corso dello shooting della nostra copertina dedicata al festival «L’obiettivo è uscire da questa pesantezza che stiamo vivendo, con un po’ più di leggerezza e di ironia piccante».

Il brano che presenta è «A sfondo ironico, non è protagonista il farmacista, ma tutto quello che accade nel discorso del medico che si traduce in qualche cosa di più sciamanico e profetico. Questo è un po’ il dilemma: chi è che ha la soluzione?».

Si ringraziano i partner Max Factor e Wella


Max Gazzè e Sanremo

Massimiliano "Max" Gazzé è un cantautore e musicista romano, che per alcuni anni della sua adolescenza ha vissuto in Belgio ed è diventato popolare grazie al suo singolo "Vento d'estate" del 1998. Si avvicina alla musica già all'età di sei anni, quando inizia a studiare pianoforte, mentre a quattordici passa al basso elettrico e comincia a suonare in qualche band locale belghe.

Nel 1991 torna a Roma e inizia a comporre colonne sonore e a collaborare con artisti come Frankie hi-nrg mc, Alex Britti, Niccolò Fabi e Daniele Silvestri, fino al 1996 quando pubblica il suo primo album "Contro un'onda del mare", che presenterà in versione acustica durante un tour di Franco Battiato. Nel 1998 arriva il suo secondo disco, "La favola di Adamo ed Eva", e l'anno successivo partecipa al Festival di Sanremo nella categoria "Giovani" col brano "Una musica può fare".

Tornerà sul palco dell'Ariston nel 2000 con l'inedito "Il timido ubriaco", che anticipa il nuovo album omonimo. Ma Sanremo è un amore che non si lascia facilmente e Max Gazzé tornerà da lui altre tre volte: nel 2008 col brano "Il solito sesso", nel 2013 con i due inediti "I tuoi maledettissimi impegni" e "Sotto casa", e nel 2018 con "La leggenda di Cristalda e Pizzomunno", col quale vince il Premio Giancarlo Bigazzi alla miglior composizione musicale. Una carriera costellata da collaborazioni trasversali, come quelle più recenti con Carl Brave per il singolo "Posso" e con Francesca Michielin per "La vie ensemble", oppure il supergruppo Fabi Silvestri Gazzé, progetto collettivo dei tre artisti-amici che insieme pubblicano l'album "Il padrone della festa".

Seguici