Home MusicaSanremoMiele: «Ho fatto la musicista di strada per stare con il pubblico»

Miele: «Ho fatto la musicista di strada per stare con il pubblico»

La cantautrice siciliana, tra le nuove proposte al Festival, domani sera sfiderà Francesco Gabbani

Foto: Miele

10 Febbraio 2016 | 16:33 di Antonella Silvestri

Domani sera, tra le nuove proposte, debutterà sul palco dell'Ariston Miele con il brano «Mentre ti parlo». Manuela Maria Chiara Peruzzo, questo il suo vero nome, ha scelto di chiamarsi così perchè «il miele è denso e dolce, insomma contraddittorio, come lo sono io».

Venerdì prossimo uscirà il suo primo album intitolato "Occhi": «Ho sempre avuto un rapporto conflittuale con il mio sguardo. Ma adesso vorrei che diventasse uno dei miei punti di forza». A proposito del suo esordio al Festival, Miele ci tiene a sottolineare di esserci arrivata dopo una lunga gavetta: «Sono fiera di aver fatto, in passato, la musicista di strada. Un'esperienza che mi ha regalato delle grandissime soddisfazioni, visto che mi ha permesso di condividere la mia più grande passione con il pubblico. Ho sempre amato cantare tra la gente, più per la strada che nei locali. Perché nei locali ti chiedono di intrattenere il pubblico». «Ma io non voglio intrattenere: voglio dialogare» dichiara la cantautrice, orgogliosissima delle sue origini siciliane: «C'è la mia terra nella mia musica e nel mio modo di vivere. È stato difficile andar via di casa. Le radici sono importanti ma noi non siamo delle piante ma degli umani».

Da sempre appassionata degli Stadio, una delle sue canzoni preferite è "Grande figlio di puttana" di cui ha inciso una nuova versione: «Mi fa un certo effetto partecipare allo stesso Festival, seppure in categorie differenti, con gli Stadio». Il suo più grande desiderio? La giovane cantautrice non ha dubbi: «Vorrei continuare a salire sul palco con incoscienza e senza consapevolezza, senza controllo. La fatica non mi spaventa: amo la musica più di qualsiasi altri cosa».