Home MusicaSanremo“No grazie”: spiegazione e significato del brano di Junior Cally a Sanremo 2020

“No grazie”: spiegazione e significato del brano di Junior Cally a Sanremo 2020

La politica entra a gamba (abbastanza) tesa al Festival 2020 con parole esplicite e sorprendenti. Ecco il testo "riletto" per voi

Foto: Junior Cally  - Credit: © Iwan Palombi

28 Gennaio 2020 | 12:05 di Alessandro Alicandri

• Il testo di "No grazie" di Junior Cally

Quello di Junior Cally (la sua canzone di Sanremo 2020) è senza dubbio uno dei brani più esplicitamente politici (e con qualche riferimento ai partiti) al Festival. La sua “No grazie” si fonda sul rifiuto di un certo modo di vivere nella società.

Nel brano c'è un chiaro attacco al razzismo e all'essere "contro" tipico di una società che esprime disappunto e ribellione solo sui social, quindi "di nascosto", magari celando la propria identità dietro un nickname. Da qui forse arriva la provocazione di Junior Cally che è tornato dietro una maschera (dopo averla tolta qualche tempo fa).

È chiaro l'attacco a chi diffonde idee populiste con toni demagogici, alla politica che si riduce a una "coccola" continua verso i sogni idealizzati delle masse, ma che non contribuisce alla costruzione di soluzioni reali per il Paese. Questo "manifesto" non risparmia l'artista: «Giuro la smetto con sta storia del rap / Voglio scrivere canzoni d’amore per la mia ex / Trovarmi un lavoro serio e diventare yes man / Insultare tutti sì ma solamente sul web» ripete ironico.

Un chiaro riferimento (critico) verso la normalizzazione di un certo tipo di musica che parte dal vero rap per poi "ridursi" a parlare solo d'amore. Un gioco che invita chi fa il suo mestiere a prendersi una bella responsabilità: occuparsi con la musica (e con coraggio) non solo del personale, ma anche del mondo reale.